30 marzo 2017 | 18:39

Il parere dell’Avvocatura di Stato sui compensi agli artisti ci rende fiduciosi, dice il dg Rai, Campo Dall’Orto. Ora aspettiamo atti formali per poi passare in Cda

“Ci rende fiduciosi”. A margine di un convegno sul rinnovo della concessione alla Casa del Cinema di Roma, il dg Campo Dall’Orto ha commentato così il parere che l’Avvocatura di Stato ha espresso ieri sull’estensione del tetto ai compensi per gli artisti del servizio pubblico a 240mila euro.“Abbiamo visto le notizie, ma ora aspettiamo atti formali prima di portare la questione in cda”, ha concluso.

Antonio Campo Dall’Orto (foto Olycom)

 ”Se c’è un parere dell’avvocatura dello Stato sollecitato dal governo, per noi è il governo stesso che esprime questo parere”, aveva commentato invece ieri all’Ansa il consigliere Rai Diaconale. “Noi dobbiamo prendere atto di questa indicazione, ma allo stesso tempo dobbiamo affrontare il tema dell’autoregolamentazione dei compensi. Non dobbiamo inficiare la capacità della Rai di essere concorrenziale, ma allo stesso tempo, in una situazione di difficoltà generale, non possiamo lasciare che sia un’isola privilegiata”.