31 marzo 2017 | 15:02

Analisi ascolti tv 30 marzo: ‘Sorelle’ è un fenomeno, ‘Lo scherzo perfetto’ raggiunto da ‘Nemo’ (con Sgarbi) e ‘Planet Earth2′. Sottile sorpassa Formigli. In access Gruber con Travaglio stacca Belpietro che ospita “il giudice con la pistola”

Alla quarta puntata ‘Sorelle’ è calato di un solo decimale di share, attestandosi a 6,45 milioni di spettatori ed il 27,5% di share. Un risultato che lo accredita tra i prodotti top di questa stagione felice della fiction Rai. Improponibile il confronto con il sacro ‘Il Commissario Montalbano’, la storia prodotta da Endemol Shine e realizzata in una suggestiva Matera, si colloca ai livelli di massima virtù della linea di Eleonora Andreatta, capo della fiction di Viale Mazzini: come ‘I bastardi di Pizzofalcone’, ‘I fantasmi di Portopalo’ e ‘C’era una volta Studio Uno’, cioè, ‘Sorelle’ pare capace di stare tranquillamente nella forbice di risultati tra il 25% ed il 30% di share.

Una scena della fiction Rai ‘Sorelle’

Ieri Canale 5 ha provato a reagire allo strapotere del mistery sentimentale con Anna Valle e Giorgio Marchesi scegliendo una pellicola in prima tv, ‘San Andreas’, che si è difesa egregiamente, sfiorando quota 3 milioni con il 13,4% di share. Il titolo drammatico-catastrofico ha pero pescato pubblico soprattutto da Italia 1, che così ha visto indebolite le performance de ‘Lo Scherzo perfetto’ (calato a 1,1 milioni ed il 4,91%).

La gara per il terzo gradino del podio è stata quindi molto più combattuta del solito. Hanno corso a fianco del format condotto da Teo Mammucari sia ‘Planet Earth 2’ su Rete 4 (con i superdocumentari sulla natura della Bbc firmati da David Attenborough, ieri a 1,178 milioni e 4,91%,), che ‘Nemo’ su Rai2. Quasi sorprendente il risultato del programma condotto da Enrico Lucci e Valentina Petrini, risalito a 1,1 milioni con il 4,7% di share. Per la rimonta sul catastrofico risultato della settima precedente è stata sicuramente decisiva la scaletta, la scelta degli ospiti sul palco e quella dei servizi. Si è partiti dall’allarme nutrie, si è proseguito con i vaccini, l’astrofisico Luca Perri, l’inchiesta sugli ambienti della Chiesa contrari al Papa. C’è stata quindi la ricognizione tra i ricchi operai tedeschi e la testimonianza di Udo Gumpel. Un servizio di Martina Dell’Ombra, inoltre, ha mostrato i frequentatori e gli eroi del Bagaglino, e poi si è parlato dei problemi d’amore dei nuovi italiani e, infine, Lucci ha chiuso con un memorabile servizio sulla spiritualità dei transessuali. Tutto molto interessante.

Ma è parsa decisiva, per il risultato quasi positivo della trasmissione, la capacità di fare esegesi e fungere da collante, di spiegare e interrogare, dell’ospite Vittorio Sgarbi. Che ha tenuto abilmente (pur seduto in platea accanto a Caterina Balivo) le fila del discorso, cosa che invece riesce quasi sempre difficile ai pur bravi Petrini e Lucci.

‘Nemo’ è dunque tornato a galla ed un po’ meglio del solito ha fatto anche ‘Mi Manda Rai3’ (820mila e 3,7%), con Salvo Sottile che stavolta ha puntato su Equitalia, call center, danni da chirurgia estetica. Male stavolta è andato Corrado Formigli: solo 615mila spettatori e il 3,33%. ‘Piazzapulita’ ha puntato senza successo sugli ospiti politici (Andrea Orlando, Mario Monti, Maurizio Landini) e non ha svoltato neanche quando è passata con Paolo Brosio, Marianna Aprile e Saverio Gaeta a parlare della Madonna di Medjugorje.

Lilli Gruber durante ‘Otto e Mezzo’

A far quadrare i conti in prime serata per La7 così è stata ancora una volta Lilli Gruber. ‘Otto e mezzo’ ha ottenuto 1,382 milioni di spettatori e il 5,63% con Marco Travaglio, Tommaso Cerno e Stefano Parisi, mentre su Rete 4 ‘Dalla vostra parte’ ha riscosso 1,081 milioni e il 4,48% ospitando Giovanni Toti, il ‘giudice con la pistola’ Angelo Mascolo, Ivana Spagna e Alessandro Cecchi Paone.