Arriva l’ok formale dal Parlamento Europeo per la fine del roaming nel Vecchio Continente dal 15 giugno

Il Parlamento europeo ha approvato l’ultimo passo verso la totale abolizione delle maggiorazioni del roaming. E’ arrivato infatti il via libera formale dell’aula di Strasburgo all’accordo raggiunto tra Parlamento, Consiglio e Commissione europea lo scorso 1 febbraio sui prezzi all’ingrosso che gli operatori applicano tra di loro per offrire i servizi di roaming.

L’accordo, spiega l’agenzia Ansa, è stato approvato con 549 voti favorevoli, 27 contrari e 50 astenuti. Era l’ultimo ostacolo per consentire lo stop ai costi aggiuntivi quando si va all’estero, che entrerà in vigore il 15 giugno.

I consumatori potranno ora telefonare, inviare messaggi e utilizzare dati della rete mobile mentre si trovano in altri Stati dell’Ue senza pagare tariffe aggiuntive.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il Papa affida ad Andrea Tornielli la direzione editoriale del Dicastero per la Comunicazione. Andrea Monda direttore Osservatore Romano

Organizzazioni dei giornalisti in piazza contro i tagli all’editoria in manovra: così si spegne la libera informazione

Open Gate Italia presenta ‘La Lobby è trasparenza’: patrimonializzazione delle società di lobbying a 24,5 milioni di euro (+ 8%)