12 aprile 2017 | 11:14

La Casagit approva il bilancio 2016: esercizio chiuso in positivo per oltre 3,2 milioni. Seicento giornalisti in meno iscritti al profilo principale e 300 pensionati in più

Il Consiglio di amministrazione della Casagit ha approvato all’unanimità il bilancio 2016. L’esercizio chiude in positivo per oltre 3,2 milioni di euro. Recuperate ampiamente le pur contenute passività registrate nei due anni precedenti. La riserva tecnica, a garanzia delle prestazioni, sale a 37 milioni di euro.

Daniele Cerrato

Nel 2016, “la differenza tra entrate e uscite – spiega una nota della Cassa – è stata pari a +2,3 milioni di euro cui si sono sommati i proventi degli investimenti realizzati. Un dato, sebbene positivo e confortante, che non può e non deve tuttavia limitare le considerazioni di più lungo termine sul momento difficile che sta attraversando la categoria dei giornalisti italiani e sulle opportunità di ampliamento della Casagit ad altri soggetti interessati a dotarsi di una copertura sanitaria integrativa”.

Il risultato di bilancio 2016 dà conto dell’applicazione delle misure introdotte a gennaio dello scorso anno a tutela del patrimonio della Cassa e della sua capacità di garantire l’assistenza a un popolazione complessiva che sfiora i 50mila iscritti.

“Confortante – prosegue la nota – anche la prospettiva per l’anno in corso. Il Consiglio di amministrazione ha approvato all’unanimità anche il Bilancio Preventivo 2017, che si prospetta positivo”.

Anche nel corso del 2016 si è registrato un importante calo tra giornalisti contrattualizzati iscritti al profilo principale, oltre 600 unità in meno. Un dato recuperato solo al 50% con l’ingresso di 300 nuovi pensionati. Un altro segno di come la platea dei giornalisti stia accusando ancora i colpi di una crisi del settore editoriale che non accenna a concludersi.

Nel corso del 2016, inoltre, la Casagit ha rimborsato quasi 67 milioni di euro in prestazioni sanitarie. Le principali voci di spesa sono legate a ricoveri, oltre 19 milioni di euro; prestazioni specialistiche (visite, diagnostica e medicinali) 18 milioni di euro e oltre 14 milioni di euro per prestazioni odontoiatriche.

“Da sottolineare – conclude la Cassa – il conto della solidarietà a sostegno della “Non Autosufficienza”, che supera ormai i 3 milioni di euro e offre assistenza a oltre 700 persone”.

Il bilancio d’esercizio 2017, come prevede lo Statuto, verrà sottoposto alla ratifica dell’Assemblea nazionale dei delegati Casagit che si volgerà a Roma il prossimo 10 maggio.