Giancarlo Leone votato all’unanimità presidente Apt. Sul tavolo i decreti attuativi della legge Franceschini e il rinnovo della concessione Rai

L’assemblea dei soci dell’Apt, l’associazione dei produttori televisivi, ha votato oggi all’unanimità Giancarlo Leone come nuovo presidente, dopo la designazione da parte del comitato direttivo dello scorso 27 marzo.

Leone, 61 anni, manager di lungo corso in Rai, già ad di Rai Cinema, vicedirettore generale, direttore di Rai1, è attualmente ad di Q10 Media, nuova società da lui fondata che opera nel campo della comunicazione.

Il neo presidente ha presentato all’assemblea un documento programmatico di 20 pagine, approvato insieme alla sua nomina, che ha toccato i nodi del settore: l’imminente approvazione dei decreti attuativi della legge Franceschini, il necessario presidio sul prossimo contratto di servizio Stato-Rai, la valorizzazione del mercato internazionale, le modifiche alle modalità generali di contratto tra broadcaster e produttori, il rafforzamento degli investimenti sui documentari, la revisione delle modalità di ingaggio tra emittenti e produttori sui programmi di intrattenimento, il rilancio del mercato internazionale dell’audiovisivo.

Giancarlo Leone subentra a Marco Follini.

GiancarloLeone (foto Blucobalto)

GiancarloLeone (foto Blucobalto)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva