21 aprile 2017 | 15:57

Analisi ascolti tv 20 aprile: nella serata dell’attacco a Parigi, la fiction di Rai1 non è super. Si riaccendono (poco) le all-news, Costanzo stravince in nottata con Fiorello, Lemme, Degan e la Notaro, oscurando Renzi su Rai2. Margonari fa bene a Linea Notte

Tornava on air dopo una prima stagione difficile ‘Tutto può succedere’. La fiction di Rai1 firmata Cattleya ispirata alla serie americana ‘Parenthood (in onda con successo per sei anni sulla Nbc), alla prima puntata della prima stagione nel dicembre del 2015, opposta a ‘Il Segreto’, aveva perso la partita, ottenendo soltanto 3,7 milioni di spettatori ed il 15% di share. La storia con Pietro Sermonti, Maya Sansa, Alessandro Tiberi, Licia Maglietta e Ana Caterina Morariu si era rimessa in piedi strada facendo ed era arrivata a raggiungere 4,066 milioni e il 16,71% a metà marzo del 2016, all’ultima puntata. Era logico attendersi che la seconda stagione potesse beneficiare del buon sentiment generato dalle altre fiction trasmesse dall’ammiraglia pubblica, ma è stato così solo in parte. Al nuovo esordio ‘Tutto può succedere’ ha conseguito 4,088 milioni e il 18,03%, disturbata dalla prima tv di Canale 5, la commedia con Claudio Bisio ‘Ma che bella sorpresa’, arrivata a 3,567 milioni di spettatori e il 16%. L’analisi della curva di Rai1 nella fascia, in progressivo avanzamento sul film con Bisio, suggerisce che – quanto meno – chi aveva scelto la fiction Cattleya non l’ha mollata.

Il cast di ‘Tutto può succedere’

Ogni giudizio predittivo sull’andamento di questo prodotto seriale va però sospeso. A turbare la serata, infatti, ieri subito dopo le 21.00, è stato l’attentato parigino degli Champs Elysees, e così sono fioccate edizioni straordinarie dei tg, ci sono state modiche riaccensioni impreviste d’interesse per le emittenti all-news, con qualche talk che invece è stato costretto a rivedere la scaletta.

Sopra un momento della diretta di Sky Tg 24 su Parigi; sotto un momento di ‘Mi manda Rai3′ e ‘Nemo’

Dietro i programmi delle ammiraglie, comunque, è arrivato il film drammatico di Italia 1 (‘Momentum’ a 1,556 milioni di spettatori e il 6,28%), precedendo quattro trasmissioni arrivate tutte poco sopra quota 1 milione di spettatori: il film su Rete4 (‘Gran Torino’ a 1,082 milioni e 4,24%); ‘Mi manda RaiTre’, in progresso di un punto e mezzo rispetto a sette giorni prima a 1,078milioni e 4,95%; ‘Nemo’, a 1,058 milioni e 4,51%(+0.5 su Rai2); la partita di Europa League trasmessa in chiaro su TV8 (Besiktas- Lione 1,052 milioni e 4,6%). Staccata da tutti gli altri è arrivata La7, con ‘Piazzapulita’ in calo di mezzo punto a 630mila e 3,4%, destabilizzata dalle vicende francesi invece che corroborata.

Interessante la scelta complessiva operata da Viale Mazzini sul racconto della cronaca in divenire. A entrare subito in scena è stata ovviamente RaiNews 24, che tra le 21.30 circa e le 24.45 con il direttore Antonio Di Bella scatenato ha ottenuto lo 0,9% di share, facendo poco meglio, nello stesso intervallo di tempo, di SkyTg24 (0,88%), mentre molto più staccata è arrivata TgCom24 (0,4%).
Ma c’è stato pure il passaggio di testimone delle edizioni speciali delle testate principali. Il Tg1 tra le 22.13 e le 22.25 ha raccolto 4,575 milioni di spettatori e il 18,34%, interrompendo ‘Tutto può succedere’; su Rai3, mettendo in pausa ‘Mi Manda Rai3’, l’edizione del Tg3 trasmessa dalle 22.46 ha conquistato 1,220 milioni ed il 5,35%, mentre quella del Tg2, incastrata tra ‘Nemo’ e ‘Night Tabloid’, ha riscosso 773mila spettatori e il 4,85%. L’edizione speciale del Tg4 che ha stoppato per un po’ ‘Gran Torino’ ed è durata fino a notte, ha conquistato 657mila spettatori e il 4,33%.

Un passaggio del Maurizio Costanzo Show,; a destra: ‘Linea Notte’ e Matteo Renzi con Dario Vergassola a ‘Night Tabloid’

Terminati i programmi delle ammiraglie, in seconda serata non c’è stata storia: ha stravinto Maurizio Costanzo che aveva preparato il rientro con un menu inattaccabile: l’intervista alla miss dal volto sfigurato dall’acido gettatole dall’ex, Gessica Notaro, e quindi Fiorello, Raz Degan, Otelma, il dietologo Lemme e Paola Turci. Il programma ha ottenuto 1,4 milioni di spettatori e il 17,43% chiudendo molto vicino al 20% di share. Dietro il Maurizio Costanzo Show hanno corso, molto staccati, l’edizione notturna e allungata del Tg1 e poi ‘Linea Notte’ su Rai3, con alla conduzione Elisabetta Margonari e non Maurizio Mannoni. Seppellita dalle vicende di cronaca e da Costanzo ha finito per essere la lunga intervista di Matteo Renzi a ‘Night tabloid’. La trasmissione condotta da Annalisa Bruchi si è fermata al 3,7%.