26 aprile 2017 | 14:45

L’ingresso di Vivendi in Mediaset è opaco, dice il ministro Calenda. Non hanno detto cosa vogliono fare con le azioni acquistate

L’ingresso di Vivendi in Mediaset “è opaca perchè non hanno detto cosa ci volevano fare con i pacchetti” del Biscione. A dirlo a Radio Anch’io il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, sottolineando che “quello che non può succedere è che si paralizzi un’azienda perchè c’è uno scontro in atto senza chiarire cosa ci vogliono fare” con quella quota.

L’alzata di scudi su Mediaset, ha chiarito il ministro, “non è una difesa dell’italianità, ma il processo con cui tu acquisisci la proprietà di un’azienda strategica quotata deve essere trasparente”, ha precisato il ministro.

Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo Economico (foto Olycom)

Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo Economico (foto Olycom)

Ieri nel corso dell’assemblea degli azionisti di Vivendi, Bollorè e de Puyfontaine, rispettivamente presidente e ad della media company francese hanno ribadito l’interesse della società per gli investimenti in Italia, considerata centrale per la strategia di espansione futura.