Sul tetto ai compensi degli artisti serve una norma interpretativa, dice il consigliere Rai Siddi. Il piano di Verdelli per l’informazione? Non era completo da essere esecutivo

“Ci sono punti che non si risolvono con una circolare. Si passa la palla al cda, ma come si individuano gli artisti? Forse è necessaria una norma interpretativa. Ci sono figure che sono certamente artisti, per altre figure è un po’ complicato”. Lo ha detto il consigliere Rai Franco Siddi in commissione di Vigilanza.

Il consigliere di Vialle Mazzini è intervenuto anche sulla vicenda Anac, precisando: “il cda vuole chiarimenti, ma dalla vicenda emerge che la Rai ha natura mista: deve rispondere a tutti i controlli e deve avere la possibilità di fare il meglio sul mercato”.

Franco Siddi

Franco Siddi

Sul piano dell’informazione, Siddi ha sottolineato che “non è mai arrivato al voto del cda”. “Dal mio punto di vista non era completo come piano. Non dico che Verdelli non ha fatto un lavoro, anzi ha lavorato in profondità, ma non era un piano completo da essere esecutivo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Fox Sports chiude in Italia. Sky non rinnova il contratto, il 30 giugno addio al canale

La Fnsi incontra Crimi: anche l’editoria ha i suoi rider. È ora di fare qualcosa

Fari puntati sulla riforma Ue del diritto d’autore che potrebbe rivoluzionare il web