27 aprile 2017 | 14:49

Hasta siempre Google! Big G è la prima Internet company straniera che apre a Cuba

Google ha acceso i suoi server a Cuba, diventando la prima internet company straniera a operare nel Paese. La notizia, riferita dalla stampa statunitense, arriva in seguito all’accordo tra Google e le autorità de L’Avana annunciato nel marzo 2016 dall’allora presidente Usa Barack Obama, che si è speso per la fine dell’embargo.

Sundar Pichai, ceo di Google

Sundar Pichai, ceo di Google

L’installazione dei server era stata decisa nel dicembre scorso con una partnership tra Google e l’Etecsa, la compagnia statale di telecomunicazioni di Cuba. I server attivati da Big G fanno parte della Google Global Cache, una rete globale che lavora ospitando contenuti popolari – come ad esempio i video virali su YouTube – su server locali. Ciò consente di ridurre i tempi, offrendo ai cubani un servizio qualitativamente migliore rispetto al sistema usato finora, che fa affidamento su cavi sottomarini collegati al Venezuela. Per Google non si tratta tuttavia del primissimo passo a Cuba: nel 2014 la compagnia di Mountain View aveva reso disponibile ai cubani Chrome, il programma per navigare sul web.