Da Enel a Winner Italia. Ecco tutti i top sponsor (6), sponsor (9), partner (11), fornitori (4) e licenziatari (21) ufficiali del Giro d’Italia 2017

Al via venerdì la centesima edizione del Giro d’Italia. Ecco tutti gli sponsor, partner e fornitori ufficiali, a partire dai sei Top Sponsor, che sono: Enel (Maglia Rosa), Banca Mediolanum (Maglia Azzurra), Segafredo Zanetti (Maglia Ciclamino), Euro Spin (Maglia Bianca), Namedsport (vincitore di tappa), Casa.it (ultimo km).

Nove gli Sponsor: Tag Heuer (official time keeper), Honda (auto e moto ufficiali), Bio Presto (Winning team), Selle Italia (Super team), Unibet (Gran Premio combattività), Rovagnati, Pinarello (Gran Premio Fuga), Santini Maglificio Sportivo (abbigliamento tecnico), Autostrade per l’Italia (traguardo volante).

Undici partner ufficiali: Algida (gelati), Regione Lombardia, Nilox, Sangemini, Pirelli, Iafstore, Husqvarna, Vittoria, Fossati Serramenti, Extra White (gum ufficiale), Dpv.

Quattro fornitori ufficiali: Gae Engineering, Astoria Wines, Centro diagnostico italiano, Sitip industrie tessili.

Ventuno, infine, i licenziatari ufficiali: All 4 Cycling (e-commerce), Astoria Wines (vini), Bollè (occhiali), Cover Store (cover), Custom Getaways (tour operator), Elite (borracce), Le Formiche di Fabio Vettori (puzzle/poster), Gadget Group (kit giro), Go 4 Cycling (tour operator), Grand Tours Project (tour operator), Musement (tour operator), Panini (figurine),Pinarello (biciclette), Santini Maglificio Sportivo (abbigliamento tecnico), Saucony (scarpe), Searchtravel (tour operator), Selle Italia (sellini), Sports Tours International (tour operator), Velonews (news), Vittoria (copertoni), Winner Italia (Gadget).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Al forum di Wpp Italia e TEH Ambrosetti tutto sui Millennials, la generazione che sta cambiando la società e la pubblicità

Malagò ancora contro il Governo: con quattro righe è stato ucciso il Coni

Il Wall Street Journal vara una task force contro fake news e video artefatti