04 maggio 2017 | 12:11

Anche i provider che pubblicano opere di terzi caricate dagli utenti sono responsabili di violazione del copyright. La conferma arriva dalla Corte d’Appello di Roma: per il provider c’è obbligo attivo di intervento, per il titolare nessun dovere di fornire le url

La Corte d’Appello di Roma, Sezione Impresa, con sentenza del 29 aprile 2017,ha integralmente confermato la condanna di Break Media, uno dei  maggiori web provider statunitensi, per “cooperazione colposa mediante  omissione”nella diffusione illecita di programmi televisivi Mediaset.
Si tratta – commenta Mediaset – di un ulteriore passo avanti nella giurisprudenza che definisce sempre più chiaramente uno degli illeciti più danno si per chi investe  realmente ella produzione di contenuti originali, ovvero gli editori: il furto di contenuti a fini di lucro ad opera di piattaforme digitali.

Gina Nieri

Gina Nieri

Break.com è uno dei più popolari distributori online di contenuti “humor” americani ed è tra i brand più redditizi di Defy Media: un gruppo da 500 milioni di visualizzazioni al mese.
La Corte d’Appello ha innanzitutto ribadito la giurisdizione italiana (dove ha sede la società danneggiata dall’illecito), rigettando l’eccezione di competenza negli USA proposta dai legali di Break Media.
Inoltre, recependo i più recenti precedenti comunitari, ha stabilito la piena responsabilità degli operatori di Internet anche quando sono utenti terzi a diffondere illecitamente contenuti coperti da copyright. Tanto più quando vengono utilizzati“sistemi operativi evoluti” direttamente finalizzati a mere “finalità di tornaconto economico”.
Due i nuovi elementi cardine del provvedimento: il primo prevede per il provider “l’obbligo attivo di intervento e di protezione” per impedire la prosecuzione degli illeciti; mentre il secondo chiarisce nuovamente che il titolare dei diritti non ha alcun obbligo preventivo di fornire agli aggregatori gli “url” (cioè gli indirizzi internet) dei contenuti illeciti, in quanto un tale onere non spetta al danneggiato bensì al provider stesso.