Sciopero generale in Rai proclamato per il prossimo 1° giugno da Cgil, Uil, Ugl, Snater e Libersind. Conf. Sal. Rinnovo del contratto, premi e minimi le motivazioni della mobilitazione

“Siamo noi la Rai”. Comincia così un comunicato con cui Cgil, Uil e Ugl proclamano lo sciopero nazionale dipendenti Rai per il 1° giugno. Le motivazioni della mobilitazione promossa da Slc Cgil, Uilcom – Uil, Ugl – Informazione, Snater e Libersind. Conf. Sal. sono: contro la pregiudiziale aziendale posta sull’incremento dei minimi salariali; per il rinnovo del Contratto Collettivo di lavoro per quadri, impiegati e operai dipendenti della Rai; per l’erogazione del Premio di Risultato 2016.

Leggi o scarica il testo del comunicato

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Fico: cambiare la legge sulla Rai e abolire la Vigilanza. M5s nei talk senza contraddittorio? Direttori liberi di decidere

Radiotv locali, Bitonci, sottosegretario all’economia: Dl Dignità per salvare 5mila posti di lavoro

Cda Rai: dipendenti oggi al voto per scegliere il quinto consigliere. Spoglio dalle 20,58 in streaming