Ora una mobilitazione contro i decreti attuativi del Governo sull’editoria. Lorusso (Fnsi): manca il tema della lotta al precatiato e al lavoro senza tutele

In questo paese “si sta cercando di deprezzare sempre più il bene dell’informazione. Per questo abbiamo deciso di indire una prima giornata di mobilitazione il 24 maggio a Roma, in conseguenza dei decreti attuativi del Governo sull’editoria”. Lo ha annunciato il segretario generale della Federazione Nazionale Stampa Italiana

, Raffaele Lorusso, al termine della conferenza stampa nella quale si è parlato della situazione dei giornalisti dell’Unità e della vertenza per comportamento antisindacale contro l’editore del quotidiano fondato da Antonio Gramsci.

“I decreti attuativi sono per noi un’occasione perduta, perché manca il tema della lotta al precariato e al lavoro senza tutele – ha proseguito Lorusso -. Avevamo recepito l’impegno del Governo per tavoli ad hoc su questo tema e su quello della libertà ad informare, messa a rischio ad esempio dalle querele temerarie. Non avendo avuto finora risposte, questa prima giornata di mobilitazione sarà un momento per ribadirne l’importanza”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Erdogan al parlamento di Ankara: l’omicidio di Khashoggi è stato premeditato

Rai: il Pd chiede il controllo delle schede per l’elezione di Foa alla presidenza di Viale Mazzini

Condé Nast lancia la sua Talent Social Agency con 27 influencer italiani e internazionali