Ora una mobilitazione contro i decreti attuativi del Governo sull’editoria. Lorusso (Fnsi): manca il tema della lotta al precatiato e al lavoro senza tutele

In questo paese “si sta cercando di deprezzare sempre più il bene dell’informazione. Per questo abbiamo deciso di indire una prima giornata di mobilitazione il 24 maggio a Roma, in conseguenza dei decreti attuativi del Governo sull’editoria”. Lo ha annunciato il segretario generale della Federazione Nazionale Stampa Italiana

, Raffaele Lorusso, al termine della conferenza stampa nella quale si è parlato della situazione dei giornalisti dell’Unità e della vertenza per comportamento antisindacale contro l’editore del quotidiano fondato da Antonio Gramsci.

“I decreti attuativi sono per noi un’occasione perduta, perché manca il tema della lotta al precariato e al lavoro senza tutele – ha proseguito Lorusso -. Avevamo recepito l’impegno del Governo per tavoli ad hoc su questo tema e su quello della libertà ad informare, messa a rischio ad esempio dalle querele temerarie. Non avendo avuto finora risposte, questa prima giornata di mobilitazione sarà un momento per ribadirne l’importanza”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Casalino ‘chiude’ il Foglio ed esplode la polemica. Cerasa ironico lancia campagna abbonamenti (codice promo ROCCO)

Svelato il nuovo manifesto del Gp d’Italia di Formula1. Sticchi Damiani (Aci): fusione tra tradizione e innovazione

Il Foglio risponde a Casalino con un abbonamento “anticasta”. Sconti del 20% per chi inserisce il codice ROCCO