Le FS presenta il progetto WIM – Women in Motion, l’iniziativa per promuovere le carriere femminili nel gruppo

Carriere al femminile nelle aree tecniche del Gruppo FS Italiane. Questo lo spirito e l’obiettivo del progetto WIM – Women in Motion, la campagna di diversity management sostenuta dal Gruppo FS Italiane e patrocinata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, in collaborazione con ‘Valore D’ – associazione di imprese che promuove la diversità, il talento e la leadership femminile – per incentivare la carriera delle donne nelle aree tecniche e nei profili professionali oggi ad appannaggio quasi esclusivamente degli uomini.

Le donne nel Gruppo rappresentano oggi sono soltanto il 14,6% dell’intera forza lavoro, e il dato scende al 2,5% nella manutenzione e allo 0,8% fra i macchinisti. Da qui l’iniziativa con cui Fs vuole promuovere al suo interno un percorso di change management incentrato nelle aree della manutenzione di Trenitalia e Rete Ferroviaria Italiana, per analizzare la situazione lavorativa delle donne in questi settori, migliorarne la condizione professionale e abbattere le barriere culturali e gli stereotipi legati alla presenza femminile in ruoli considerati storicamente maschili.

WIM, spiega la nota stampa, è stato sviluppato sia esternamente sia internamente al Gruppo. Cìirca 100 donne mentor di FS Italiane hanno incontrato studentesse di scuole medie, superiori e università in tutta Italia per orientarle nella scelta di un percorso di studi tecnici, illustrando le prospettive lavorative e le opportunità che offre l’azienda nei settori specialistici.

Alle Officine di manutenzione ciclica Trenitalia di Vicenza il progetto è statoillustrato – davanti alle studentesse delle scuole superiori – da Gioia Ghezzi, Presidente FS Italiane, Renato Mazzoncini, amministratore delegato e direttore generale FS Italiane, Barbara Morgante, ad e direttore generale Trenitalia, Claudia Cattani, Presidente Rete Ferroviaria Italiana, Mauro Ghilardi, Direttore Centrale Risorse Umane e Organizzazione FS Italiane.

Coinvolte anche altre altre importanti aziende e associazioni italiane: Acea, Aidda, Amarelli, Ania, Fondazione Marisa Bellisario, Enel, Eni, Poste Italiane, Terna.

“Lavorare nel Gruppo FS Italiane richiede specifiche competenze tecniche, basti pensare che il 40% dei nostri dipendenti laureati sono ingegneri”, ha spiegato Gioia Ghezzi. “Le competenze di cui abbiamo bisogno oggi sono rare e possedute principalmente da uomini (solo il 20% dei laureati in discipline tecniche e il 10% di diplomati in scuole specializzate sono donne). Questo genera numeri sulla presenza femminile nel Gruppo per noi assolutamente insoddisfacenti. Con il progetto WIM – Women in Motion vogliamo provare a invertire questo trend”, ha aggiunto. “Il nostro obiettivo è incontrare le ragazze, raccontare il nostro mondo, ma anche parlare con loro, rispondere alle loro domande, aumentare la loro curiosità e spingerle a studiare discipline STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica)”.

“Nel Gruppo FS Italiane abbiamo la piena consapevolezza che valorizzare la presenza delle donne è un tema di business”, ha detto Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale del Gruppo FS Italiane. “Il talento, statisticamente, si distribuisce equamente tra uomini e donne. Anzi, i risultati di molte ricerche indicano che sono spesso le donne quelle che si applicano di più negli studi e conseguono risultati migliori. Non possiamo permetterci di ignorare il 50% di questo talento. Inoltre – continua Mazzoncini – come Gruppo FS Italiane abbiamo assunto un impegno molto concreto rispetto alla presenza di donne nelle posizioni manageriali: con una delibera del Consiglio d’Amministrazione è stato approvato l’obiettivo di portare entro il 2020 la percentuale di donne nelle posizioni manageriali di line al 20% (dall’11% di partenza) e di staff al 30% (dal 21% di partenza). E’ un incremento del 9% in entrambe le aree aziendali”.

Il progetto nelle scuole proseguirà con l’obiettivo di visitarne 100 entro l’anno, per monitorare gli outcome della campagna, continuando a coinvolgere le studentesse come ambasciatrici Women in Motion.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Online il nuovo sito dell’Associazione Industrie Beni di Consumo

Ad Amazon Prime Video l’esclusiva dei nuovi film distribuiti da Leone Film Group

Qn lancia Quotidiano Donna, due pagine scritte da e per le donne