Risultati non felici se la politica pretende di guidare le aziende, dice il ministro Calenda: ogni riferimento alla Rai è del tutto casuale

“Quando la politica ha preteso di mantenere un controllo totale sulle aziende a livello nazionale, come a livello locale, i risultati mi sembrano decisamente meno lusinghieri. Ogni riferimento alla Rai è del tutto casuale”. A dirlo il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, all’assemblea di Confindustria, esprimendo il suo parere sulla questione delle privatizzazioni.

Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo Economico (foto Olycom)

Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo Economico (foto Olycom)

“Non e’ solo una questione di riduzione del debito. Mantenere il controllo pubblico aprendo il capitale al mercato si e’ dimostrata una buona soluzione per Eni, Enel, Leonardo, Fincantieri e altre aziende che rappresentano oggi campioni nazionali capaci di sposare regole di mercato e interesse nazionale”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai, lunedì la ratifica del nuovo Cda. A seguire ad e presidente designati dal Consiglio dei ministri

Agcom, osservatorio media 1° trimestre: quotidiani in calo (-8,2%); tv maluccio Rai e Mediaset, cresce La7; boom social di Instagram

Radio, i nuovi dati di ascolto Ter online il 24 luglio. Rilevato il primo semestre 2018