Il servizio pubblico è chiamato a capire come svolgere il proprio ruolo in un momento di trasformazione della società, dice il dg Rai, Campo Dall’Orto. Globalizzazione e digitale impongono nuovi temi

“Oggi il servizio pubblico è chiamato a capire come svolgere al meglio il proprio ruolo in un momento in cui la società si trasforma. Il servizio pubblico è ancorato ai concetti di pluralismo e universalità, ma questi valori prendono forme diverse in base al momento storico in cui si vive”. Lo ha dichiarato il direttore generale della Rai, Antonio Campo Dall’Orto, oggi ad Assisi per la tavola rotonda su servizio pubblico e comunicazione organizzata dal Sacro Convento.

“La globalizzazione e la società digitale”, ha detto ancora il dg, “impongono nuovi temi: ad esempio, il racconto delle periferie. A lungo termine, la digitalizzazione renderà il mondo un posto migliore”. “Il primo impegno del servizio pubblico è far si che le persone possano accedere ai contenuti quando vogliono, e RaiPlay è un grande passo in questa direzione”.

Antonio Campo Dall’Orto (foto Olycom)

Antonio Campo Dall’Orto non ha svelato quando e se incontrerà il ministro Pier Carlo Padoan. “E’ troppo bella questa giornata…”, si è limitato a dire ai giornalisti glissando sulla questione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Potenza degli influencer. Un tweet di Jenner fa perdere a Snapchat 1,3 miliardi

Lotti: il problema della Serie A era il valore troppo basso. L’assegnazione dei diritti a Mediapro fa ben sperare

Cairo: dal mio arrivo in Rcs, nel 2016, debito sceso di 8 milioni ogni mese