Protagonisti del mese

27 maggio 2017 | 8:13

L’ad dell’Editoriale Il Fatto, Cinzia Monteverdi, racconta a ‘Prima’ la nuova televisione

Cinzia Monteverdi, amministratrice delegata e socia fondatrice dell’Editoriale Il Fatto, racconta in un’intervista esclusiva sul nuovo numero di ‘Prima Comunicazione’ come sarà il nuovo progetto di piattaforma televisiva che partirà in ottobre.

Cinzia Monteverdi

Cinzia Monteverdi

“È stato uno sforzo notevole. D’altra parte avviare un progetto televisivo non è un’impresa semplice, anche se non stiamo parlando di Netflix”. In un’intervista sul nuovo numero di ‘Prima Comunicazione’, Cinzia Monteverdi, amministratrice delegata e socia fondatrice dell’Editoriale Il Fatto, racconta tra l’altro il nuovo progetto di piattaforma televisiva on demand che partirà in ottobre, ma che è già in fase produttiva. “Il progetto l’abbiamo deliberato a febbraio”, dice a ‘Prima’ Cinzia Monteverdi. “Da allora abbiamo camminato molto velocemente, iniziando dall’allestimento degli studi. Il nuovo marchio di produzione televisivo si chiama Loft Production, perché gli studi sono costruiti in un loft. La scelta della nuova sede è caduta su uno spazio che potesse ospitare tutte le nostre varie attività: ‘Il Fatto Quotidiano’, il sito e le attività sul web, la collana di libri e, ora, la produzione tivù. Non abbiamo ancora il nome dell’applicazione”.

“Per tutta l’estate lavoreremo ai format da presentare sulla piattaforma che sarà lanciata in ottobre con un palinsesto in via di completamento. Nei prossimi mesi verrà piano piano accesa una sorta di teaser del progetto”, aggiunge l’ad dell’Editoriale Il Fatto che, per quanto riguarda i contenuti, assicura che non ci sarà da aspettarsi una scorpacciata di Marco Travaglio: “informazione, ma puntiamo sulla cultura e sullo spettacolo. Un intrattenimento intelligente, adatto al nostro target. Saranno programmati anche film, per cui stiamo lavorando all’acquisizione dei diritti. Alcune cose le produrremo in casa, altre le realizzeremo con delle partnership. È un percorso che crescerà particolarmente nel 2018: l’intenzione è cominciare con poche cose ma buone e incrementarle progressivamente. L’obiettivo è avvicinare anche un pubblico che non rientra tra i lettori del ‘Fatto Quotidiano’, puntare a chi è alla ricerca di contenuti intelligenti che potrà ottenere on demand”.

Nell’intervista a ‘Prima’, Cinzia Monteverdi parla anche dei rapporti con Michele Santoro, che ha deciso di uscire dalla società editrice: “Santoro si è distanziato dalla linea del giornale”, afferma la manager. “Una linea, peraltro, che seguivamo già prima che entrasse nella società. Forse pensava che qualche cosa potesse cambiare in questo periodo. Ma anche la campagna sul referendum istituzionale ha fatto risaltare ancor di più le diversità, sebbene non sia venuta meno l’amicizia. Comunque, Santoro per il momento è ancora socio e, non avendo intenti rivendicativi e un’urgenza di uscire dalla società, ha messo la sua quota a garanzia della libertà dei giornalisti. Nel senso che non la mette a disposizione di qualche pescecane. Certo, non rientrando nel progetto televisivo, è venuto meno il motivo per cui, a prescindere dalle questioni politiche, resti dentro. Ora dovremo serenamente risolvere la questione della partecipazione di quote incrociate, tra Zero Studios, di cui Santoro ha la maggioranza, e l’Editoriale Il Fatto”.

L’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 483 – Maggio 2017

Abbonati al mensile ‘Prima’ edizione cartacea (+ Uomini Comunicazione), alla versione digitale per tablet e smartphone o a quella combinata carta-digitale: Prima + Uomini + edizione per tablet e smartphone