30 maggio 2017 | 18:32

Via libera condizionato della Commissione Ue al controllo di Telecom da parte di Vivendi

La Commissione europea ha approvato l’acquisizione del controllo de facto di Telecom Italia da parte di Vivendi. La decisione è subordinata alla cessione delle quote detenute da Telecom Italia in Persidera, operatore di rete per i multiplex digitali. La proprietà di Persidera è al 70% è di Tim, e il 30% è del gruppo Gedi, ex gruppo l’Espresso.

La Commissione ha rilevato che, “successivamente alla transazione, Vivendi avrebbe avuto un incentivo ad aumentare i prezzi applicati ai canali televisivi sul mercato dell’accesso all’ingrosso delle reti televisive del digitale terrestre, in cui Persidera e Mediaset detengono ciascuna una quota significativa. I benefici di una tale strategia sarebbero stati ottenuti direttamente attraverso Persidera o indirettamente attraverso la partecipazione azionaria di minoranza in Mediaset, poiché gli altri attori attivi sul mercato non rappresentano un’alternativa sostenibile per i canali televisivi. Di conseguenza i canali televisivi avrebbero dovuto sostenere costi maggiori per raggiungere il loro pubblico in Italia”.

Vincent Bollorè, presidente di Vivendi (foto Olycom)

La Commissione ha altresì esaminato “l’eventualità che la relazione fra le attività di Vivendi in Italia (pubblicità, musica, televisione e giochi mobili) e le attività di Telecom Italia nel settore delle telecomunicazioni fisse e mobili possa sollevare problemi di concorrenza”. A tal proposito la Commissione ha concluso che “Vivendi non avrebbe la capacità o l’incentivo per escludere altri concorrenti dai mercati di rilievo”.

“Per risolvere le questioni di concorrenza identificate dalla Commissione, Vivendi si è impegnata a cedere le quote detenute da Telecom Italia in Persidera”, spiega Bruxelles, aggiungendo che, “alla luce dei rimedi proposti la Commissione ha concluso che la transazione proposta, nella sua veste modificata, non ridurrebbe la concorrenza nel mercato europeo o in una sua parte sostanziale, Italia compresa. La decisione della Commissione è subordinata al pieno rispetto degli impegni”.