30 maggio 2017 | 18:15

I sindacati scrivono ai vertici Rai: inserire il rinnovo del contratto di lavoro nel prossimo Cda

Le segreterie nazionali Slc Cgil, Uilcom Uil, Ugl Informazione, Snater e Libersind-ConfSal hanno indetto lo sciopero nazionale dei lavoratori Rai per l’8 giugno 2017, con blocco delle prestazioni aggiuntive dal 1° giugno 2017 al 14 giugno compresi, per rivendicare il rinnovo del contratto nazionale di lavoro scaduto da 40 mesi e per denunciare una condizione di insostenibile blocco dell’azienda. Ecco il testo della lettera:

“Conseguentemente – scrivono i sindacati alla Presidente Maggioni e al CdA – si è verifica l’impossibilità di procedere al rinnovo anche di una parte normativa essenziale per il futuro dell’azienda, fondamentale in quanto innovativa dal punto di vista dei modelli produttivi, delle figure professionali, perché migliorativo delle condizioni di lavoro e delle tutele individuali e collettive.”

“Ulteriore questione, intrinsecamente connessa al rinnovo del contratto di lavoro, è l’assenza di un vero Piano Industriale, di un innovativo Piano Editoriale e di una riforma dell’informazione che contemperi innovazione, qualità e attenzione alle diverse realtà territoriali, culturali, sociali.”

“Chiediamo pertanto agli attuali vertici aziendali – concludono i sindacati nella lettera – di promuovere ed inserire nell’ambito dell’imminente CdA, annunciato dalla stampa, il rinnovo del contratto di lavoro dei dipendenti della Rai.”

“Consapevoli del limite oggettivo alle risorse disponibili per gli anni 2017/2018, chiediamo un primo vero atto di discontinuità con la gestione degli ultimi 3 anni ca, durante i quali si è esperita la profonda distanza tra i vertici dell’azienda e le maestranze, che, nonostante tutto, hanno continuato a tenere in piedi il servizio pubblico radiotelevisivo e multimediale.”

Il confronto contrattuale, ricordano i sindacati, si è interrotto su una proposta aziendale che non considerava i tre anni passati e che parlava di aumento dei minimi salariali solo a partire dal gennaio 2019, il sesto anno dalla scadenza del contratto di lavoro.