Il nuovo filtro di Google Chrome preoccupa editori e investitori pubblicitari: sono troppo potenti e i più piccoli ne faranno le spese

Il progetto di Google per un adblocker integrato all’interno del suo motore di ricerca, Chrome, preoccupa gli editori e le aziende che operano a vario titolo sul web, investitori pubblicitari in primis. A lanciare l’allarme è AdAge, che spiega come il nuovo filtro di Google Chrome dovrebbe bloccare i formati troppo invasivi.

A farne le spese, confida ad AdAge una figura apicale di un’agenzia che preferisce rimanere anonima, potrebbero essere soprattutto, i “piccoli editori”. E aggiunge: “Google è troppo potente, è per questo che possono fare questo tipo di cose senza incontrare alcun tipo di resistenza”.

Sundar Pichai

Sundar Pichai

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Dal 22 ottobre al via ‘Fuorilegge’, spazio settimanale di Klaus Davi su TgCom24

Panorama: dai giornalisti ribadito il no alla cessione

Selfie mortali, dal 2011 al 2017 259 decessi legati alla ricerca dello scatto perfetto