07 giugno 2017 | 11:31

Il nuovo dg Rai non si occupi solo di piano news e campagna elettorale. Ecco l’elenco delle priorità per valorizzare il servizio pubblico secondo Giancarlo Leone

“Si parla molto, forse troppo, della Rai in questi giorni. Ma non si parla abbastanza di quello che potrà e dovrà essere”. Così Giancarlo Leone, chiamatosi fuori dalla partita per la direzione generale, torna a scrivere di tv pubblica sul blog di Q10Media, e lo fa in qualità di “presidente dell’Apt”.

Leone, dalle pagine web della nuova società di cui è amministratore delegato, invita il nuovo dg “ad affiancare alle pur importanti emergenze che incombono” (i prossimi palinsesti, i compensi degli artisti, il piano news, la gestione dell’imminente campagna elettorale) “alcune priorità che diano valore e significato al progetto del servizio pubblico” e a “condividerle con il tessuto sociale e politico”.

Leone ne cita “soltanto alcune: la natura giuridica della Rai ed il suo necessario disallineamento dalle regole per la Pubblica Amministrazione che mal convivono con una azienda che opera anche in un mercato concorrenziale; la riforma reale dell’informazione con un progetto industriale ed editoriale del tutto innovativo e di razionalizzazione dell’esistente che abbia il coraggio di rivedere profondamente l’attuale assetto”.

Ma anche “la revisione del perimetro dell’offerta televisiva (oggi Rai ha 15 canali Tv) e l’individuazione del ‘core business’ aziendale con inevitabili scelte finora sempre rinviate; una rinnovata politica di investimento nel settore dei prodotto audiovisivo per esser volano della filiera produttiva nazionale rappresentata dai produttori indipendenti fornitori di contenuti di alta qualità; una politica editoriale che sappia rinunciare al superfluo e puntare sulle priorità valoriali; un rapporto con la politica improntato al dialogo ed al rispetto reciproco”.

“Forse il più difficile da realizzare – conclude Leone – sarà proprio l’ultimo. Ed al prossimo direttore generale non posso che esprimere fin d’ora l’incoraggiamento ad osare  per contribuire alla realizzazione della Rai che verrà”.

Giancarlo Leone

Giancarlo Leone (foto Olycom)