L’Ordine dei giornalisti della Lombardia apre le porte di un poliambulatorio a tariffe agevolate anche a chi non è iscritto alla Casagit. Il presidente Dossena: un aiuto a freelance e precari

L’Ordine dei giornalisti della Lombardia apre le porte di un poliambulatorio a tariffe agevolate ai giornalisti, pubblicisti o professionisti, che non sono iscritti alla Casagit e al sindacato. A partire dal 15 giugno, spiega l’Ordine lombardo, tutti gli iscritti (professionisti e pubblicisti) potranno usufruire dei servizi (visite specialistiche e accertamenti diagnostici) con le tariffe agevolate del Poliambulatorio Alg di viale Monte Santo 7, a Milano.

“Abbiamo stipulato una convenzione – spiega l’Odg della Lombardia – che prevede l’estensione dei servizi del Poliambulatorio Alg a tutti gli iscritti dell’Ordine lombardo, anche se non hanno una posizione Casagit aperta e anche se non sono iscritti al sindacato”.

“In un momento di forte crisi del mercato editoriale, lo scopo di questa convenzione – spiegano Gabriele Dossena, presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, e Paolo Perucchini, presidente dell’Associazione lombarda dei giornalisti – è quello di mettere a disposizione dei freelance e dei giornalisti precari un elenco di servizi sanitari a tariffe agevolate”.


Il presidente dell’Associazione lombarda dei giornalisti, Paolo Perucchini, e il presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, Gabriele Dossena (a destra), con il direttore sanitario del Poliambulatorio Alg, Franco Scapellato, durante la firma della convenzione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Vodafone lancia ho, low cost che sfida Iliad: 6,99 euro per minuti e sms illimitati e 30 Giga

Thompson (Nyt) giudica gli Ott: Google creativo, Fb complicato, Tw migliora ma sui social poca trasparenza

Inpgi contro Unci. Galimberti: intimidatoria richiesta danni dell’istituto a 14 cronisti