13 giugno 2017 | 11:33

L’Ordine dei giornalisti della Lombardia apre le porte di un poliambulatorio a tariffe agevolate anche a chi non è iscritto alla Casagit. Il presidente Dossena: un aiuto a freelance e precari

L’Ordine dei giornalisti della Lombardia apre le porte di un poliambulatorio a tariffe agevolate ai giornalisti, pubblicisti o professionisti, che non sono iscritti alla Casagit e al sindacato. A partire dal 15 giugno, spiega l’Ordine lombardo, tutti gli iscritti (professionisti e pubblicisti) potranno usufruire dei servizi (visite specialistiche e accertamenti diagnostici) con le tariffe agevolate del Poliambulatorio Alg di viale Monte Santo 7, a Milano.

“Abbiamo stipulato una convenzione – spiega l’Odg della Lombardia – che prevede l’estensione dei servizi del Poliambulatorio Alg a tutti gli iscritti dell’Ordine lombardo, anche se non hanno una posizione Casagit aperta e anche se non sono iscritti al sindacato”.

“In un momento di forte crisi del mercato editoriale, lo scopo di questa convenzione – spiegano Gabriele Dossena, presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, e Paolo Perucchini, presidente dell’Associazione lombarda dei giornalisti – è quello di mettere a disposizione dei freelance e dei giornalisti precari un elenco di servizi sanitari a tariffe agevolate”.


Il presidente dell’Associazione lombarda dei giornalisti, Paolo Perucchini, e il presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, Gabriele Dossena (a destra), con il direttore sanitario del Poliambulatorio Alg, Franco Scapellato, durante la firma della convenzione.