Ottocento milioni per trasmettere Champions League ed Europa League dal 2018 al 2021. Tanto avrebbe messo sul piatto Sky Italia per le massime competizioni calcistiche europee per club

Ottocento milioni circa per l’intero triennio, tra i 260 e i 290 l’anno per aggiudicarsi i diritti tv della Champions League e dell’Europa League dal 2018 al 2021. Tanto avrebbe sborsato Sky Italia per le massime competizioni calcistiche europee per club, secondo la Reuters. Saranno in tutto 340 partite con 7 squadre italiane, di cui 4 in Champions a partire dal 2018.

L’assegnazione per i diritti tv della Champions segue quella già avvenuta in Francia, Germania e Inghilterra. Proprio in Gran Bretagna British Telecom ha speso la bellezza di 394 milioni l’anno tra Champions ed Europa League. In Francia, Sfer avrebbe messo sul piatto circa 350 milioni di euro l’anno.

In Italia, nel precedente triennio era risultata vincente Mediaset, attraverso la piattaforma a pagamento Premium per un corrispettivo di 227 milioni di euro l’anno.

Superiore ma non sufficiente (intorno ai 230/240 milioni l’anno) sarebbe la cifra messa sul piatto da Mediaset per mantenere la Champions ma non è bastata. Mediaset, peraltro, come ha ricordato in una nota, detiene i diritti tv per la prossima stagione fino alla finale di Kiev.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai: Laganà, Usigrai, Fnsi e Odg preoccupati per le parole di Di Maio: a rischio posti di lavoro; volontà di colpire il pluralismo

Open presenta la squadra di redattori: fotoreporter, videomaker, esperti di contenuti verticali e di esteri

Rai, arriva l’infornata di vice direttori dei tg. Presentati anche i piani editoriali