15 giugno 2017 | 18:17

I servizi di web analitycs di Google e Facebook non certificati da soggetti terzi, ammonisce l’Agcom. L’assenza di sistemi di rilevazione in grado di offrire un’analisi delle audience unica ed integrata un limite per l’evoluzione di tutto il sistema della comunicazione

“L’attuale assenza di sistemi di rilevazione in grado di offrire un’analisi delle audience in un contesto unico ed integrato fondato su metodologie, metriche e informazioni condivise dal mercato e confrontabili fra i vari media, puo’ rappresentare un limite per l’evoluzione di tutto il sistema della comunicazione”. E’ quanto emerge dall’indagine conoscitiva sui sistemi di rilevazione delle audience dell’Agcom. 
Per quanto concerne le attività di rilevazione delle audience dei singoli mezzi, lo studio ha evidenziato che per la televisione, i risultati raggiunti dalla società Auditel – con l’adozione del Superpanel basato su un campione di circa 16.000 famiglie – sono un punto di partenza per l’estensione del proprio sistema di rilevazione ai nuovi device (smart TV, pc, smartphone, tablet).

In merito alle rilevazioni dei contenuti radiofonici, l’indagine, pur valutando positivamente la costituzione della nuova società di rilevazione Ter, auspica il raggiungimento di una governance più ampia e la valutazione in futuro di nuove tecniche e metodologie di rilevazione degli ascolti.

Quanto alla stampa, lo studio invita Audipress e ADS, le due società di rilevazione e certificazione dei contatti ad estendere il perimetro delle indagini alle edizioni digitali native, guardando con favore ad eventuali sinergie tra le due società e Audiweb e ad un’eventuale integrazione delle due tipologie di misurazioni.

Particolare attenzione è stata rivolta infine alle rilevazioni su web. Una evidente criticità risiede nella presenza di servizi di web analitycs offerti da operatori, quali Google e Facebook – primi per ricavi pubblicitari a livello nazionale e mondiale – che, oltre a non partecipare alla compagine societaria di Audiweb, non garantiscono la certificazione indipendente, da parte di soggetti terzi, del dato prodotto.