Editoria, New media

20 giugno 2017 | 15:44

Secondo i giornalisti la stampa è il media tradizionale che si sta adattando di più alla rivoluzione digitale. La survey di Ogilvy: Facebook primaria fonte di notizie; i dispositivi mobile un modo per ripensare la diffusione delle news (INFOGRAFICHE)

E’ Facebook la principale fonte primaria per le notizie. E’ quanto emerge da ‘Ogilvy Media Influence’, la survey annuale che il network di comunicazione ha condotto su un campione di oltre 250 giornalisti e redattori. Stando ai dati, la creatura di Mark Zuckerberg è considerato il gatekeeper numero uno per le news (37%), superando, non solo di gran lunga tutti gli altri social e piattaforme digitali come Twitter (4%) e Google (15%), ma anche i canali media tradizionali (33%).L’unica discordanza è stata rilevata nei risultati tra le regioni Emea (60%) e quella Asia Pacific (22%).

L’analisi – che verrà in parte presentata durante Il Festival Internazionale della Creatività Cannes Lions 2017 – ha rivelato anche la stampa (41%) è considerata la piattaforma che si sta adattando con più successo al mondo digitale. Lievi in questo caso le differenze registrate tra le regioni del Nord America e quelle Asia Pacific, rispettivamente con il 40% e il 42%. più staccati i Paesi Emea, con il 30%.

Il digital storytelling e i dispositivi mobile risultano essere driver per la crescita. La maggior parte dei giornalisti (34%) ritiene che le piattaforme digitali, tra i video in diretta e i podcast, rappresentino le più importanti opportunità di crescita per gli organi di informazione per reinventare un nuovo modello dell’industria dei media. Nello specifico, lo smartphone e/o i dispositivi mobile per il 28% sono da considerare come un modo per ripensare la diffusione delle notizie nell’era mobile, mentre altre tecnologie promettenti, come la realtà virtuale (8%) e l’intelligenza artificiale (7%), devono ancora trovare il favore dei media.

Il mix di earned media (40%), social media (26%) e influencer engagement (14%) è l’approccio più efficace per promuovere la reputazione e l’influenza del brand in tutte le aree geografiche.

“La nostra survey dimostra che l’innovazione tecnologica e dei media digitali stanno cambiando il modo attraverso cui attingiamo alle notizie”, ha commentato Jennifer Risi, worldwide chief communications officer in Ogilvy. “Al giorno d’oggi, quando gli utenti entrano su Facebook sono esposti a fonti di informazione tradizionali come il Wall Street Journal, che probabilmente non avrebbero letto. Adesso più che mai i brand hanno l’opportunità di raggiungere un pubblico più ampio direttamente dove vive e lavora.”