26 giugno 2017 | 16:23

La nuova casa editrice Jaguar Pubblishing lancia il mensile Dimensione Bio e rilancia Dimensione Benessere (acquisito da Prodotti Editoriali)

Il nuovo Magazine mensile Dimensione Bio è in edicola da fine giugno a 2.90 euro, iniziativa della casa editrice Jaguar Pubblishing nata pochi mesi fa da una cordata di imprenditori (tra cui Stefano Colombo) con la direzione editoriale di Gian Maria Madella.

Dimensione Bio è diretta da Giovanna Tettamanzi, ex Rcs e tuttora responsabile del coordinamento editoriale del sito www.donnainsalute.it.

Il primo numero di Dimensione Bio

Il primo numero di Dimensione Bio

Jaguar Pubblishing ha anche acquisito, da Prodotti Editoriali, Dimensione Benessere, magazine assente da oltre un anno dalle edicole che verrà presto rilanciato con una formula completamente rinnovata.

Gian Maria Madella

Gian Maria Madella

Dimensione Bio, dedicata al mondo del biologico e al vivere sano, è in edicola con lo speciale 100 buoni motivi per scegliere un’estate bio, a cominciare dalla scelta dei prodotti cosmetici e solari giusti per favorire l’abbronzatura, fino ai cibi più adatti per la stagione estiva.
La rivista del mondo bio, presenta tre macro argomenti: Bio Life, Bio Food e Bio Time con tanti consigli per seguire uno stile di vita sano e regolare anche nella stagione calda. Oltre alle tante novità di contenuti editoriali presenti in questo numero, Dimensione Bio vede l’inserimento di un nuovo opinionista: Marco Columbro – da anni riconosciuto come portavoce del mondo biologico, ecologico e olistico – con i suoi consigli per un’alimentazione corretta.

Giovanna Tettamanzi

Giovanna Tettamanzi

In questo primo numero Columbro attacca coloro che utilizzano contenitori di alluminio specialmente in cucina. “Sapete i danni che può fare un metallo come l’alluminio al nostro organismo? –domanda e attacca l’opinionista di Dimensione Bio – Molti di voi certamente sapranno che l’alluminio è un metallo altamente tossico, come il mercurio, il piombo, tutti però utilizzati dall’industria alimentare, cosmetica e farmaceutica. La cosa che mi fa inorridire di più è vedere osannati programmi televisivi di cucina che mostrano l’utilizzo di contenitori di alluminio come se niente fosse, ostentando una profonda ignoranza e rivelandosi pericolosi per chi li guarda. Sì, perché si sa, a volte il pubblico televisivo non ha un filtro di consapevolezza”.
Il Magazine Dimensione Bio risulta rinnovato nei contenuti e nella grafica, ma non solo, si arricchisce anche di tanti nuovi collaboratori, giornalisti e specialisti del settore biologico.