26 giugno 2017 | 14:46

Analisi ascolti tv 25 giugno: Arbore c’è, Frizzi meno. Volano F1 e MotoGp sia in versione free che pay. Speciali Elezioni Amministrative: Vespa batte Mentana che stacca Tg2 e Tg3

Domenica ‘maschia’, almeno televisivamente parlando. Carica di sport in day time e in prima serata, e con gli speciali elettorali sul risultato dei ballottaggi delle amministrative in seconda serata. Alle 13.00, ad un orario in parte inconsueto per la gara regina del Moto Mondiale, la MotoGp da Assen ha fatto il botto: quasi tre milioni di spettatori ed il 19,4% di share se si considera la somma dei risultati portati a casa in chiaro (1,3 milioni circa su Tv8 e 12,6% di share su Tv8 e 1,036 milioni di spettatori ed il 6,8% su Sky) dalle emissioni della media company guidata da Andrea Zappia.

Un momento del gp di Assen

E’ andata fortissimo anche la Formula 1, che proponeva il Gran Premio di Baku, in Azerbajian, corso in un circuito cittadino che ha generato incidenti, interruzioni e ripartenze della gara. Tra mille polemiche. In diretta su Sky la corsa vinta da Daniel Ricciardo davanti a Valterri Bottas, con i litiganti Sebastian Vettel e Lewis Hamilton quarto e quinto (dopo scontro e penalità comminata al ferrarista), ha conquistato a partire dalle 15.00 ben 1,266 milioni di spettatori ed il 10,3% di share. Replicata in prima serata su Rai2, la spettacolare e irripetibile gara ha conquistato 2,785 milioni di spettatori e il 14,43%, superando le proposte di Canale 5 e Rai 1.

Nella foto, sopra il momento del contatto tra Hamilton e Vettel durante il gp di Baku; sotto, a sinistra ‘Il Segreto’; a destra ‘Musicultura’

Sull’ammiraglia Mediaset ‘Il Segreto’ ha ottenuto 2,6 milioni e il 13,3%, superando chiaramente lo spettacolo ‘Musicultura’, arrivato a 2,055 milioni e il 10,49%. Lo show condotto da Fabrizio Frizzi dall’arena dello sferisterio di Macerata ha deluso, non sfruttando l’ottimo traino garantito dalla puntata speciale di ‘Techetetechete’ trasmessa in access prime time, con Renzo Arbore che, giunto al suo ottantesimo compleanno, aveva riassunto la sua brillante carriera tv conquistando il picco di serata a 4,1 milioni e 22,1% di share in nettissimo vantaggio su tutte le altre proposte.

Renzo Arbore

Molto staccati dai primi tre in graduatoria sono arrivati i quattro film in griglia generalista: su Italia1 la commedia leggerissima ‘Un’estate al mare’ ha prodotto 1,231 milioni di spettatori ed il 6,8%; su Rai3 il drammatico ‘Il cigno nero’ ha portato sulla terza rete 1,2 milioni di spettatori con il 6,3%; su Rete 4 il classico Usa, ‘Ocean’s Eleven’, già largamente usurato, si è fermato a 816mila spettatori e il 4,64%; su La7 il thriller ‘In linea con l’assassino – Phone Booth’, si è difeso con 392mila spettatori e il 2,1%.

Nella foto, dall’alto: ‘Porta a Porta’, lo speciale di Enrico Mentana su La7; sotto le trasmissioni dedicate ai risultati elettorali su Rai2 e Rai3

L’emittente di Urbano Cairo puntava molto sulla seconda serata. In questa fascia ha stravinto, come del resto era prevedibile, Bruno Vespa, apparecchiando uno speciale elettorale di ‘Porta a Porta’ che ha conquistato 915mila spettatori ed il 9,62% di share. Dietro Vespa hanno corso i film programmati nella fascia da Canale 5 e Italia 1 (Mediaset, nonostante i buoni risultati arrisi al centro-destra fossero prevedibili, ha seguito lo spoglio solo con TgCom24) e subito appresso è arrivato Enrico Mentana, che iniziando la sua maratona alle 22.30 circa ha ottenuto 468mila spettatori e il 2,41% di share con la prima mezzora e poi 519mila spettatori e il 5,86% con il programma vero e proprio, sfiorando in più momenti l’8% di share.

Molto male sono andati invece gli altri speciali delle altre testate di Viale Mazzini: dalle 22.50 il ‘Tg3’ con Maurizio Mannoni alla conduzione, ha prodotto con gli speciali prima 357mila spettatori e il 3,86% e quindi, da mezzanotte in poi, 447mila spettatori con il 4,68%; pur trainato dalla F1, ‘Tg2 Speciale Elezioni Amministrative’ (partito alle 23.48 affidato a Manuela Moreno) ha fatto molto poco (414mila e 3,99%).