28 giugno 2017 | 18:47

La Rai presenta i nuovi palinsesti per l’autunno 2017. Meno cronaca nera nel daytime di Rai1, che per il week end punta su Conti, Fazio e Giletti (forse). Tra le conferme su Rai2 Mika, ‘Pechino Express’ e ‘Nemo’. Su Rai3 il ritorno di Santoro

Emanuele Bruno – Piaccia o non piaccia è tornato un po’ il gusto dell’amatriciana. Il sapore del ‘cacio e pepe’, per chi lo preferisce. L’anno scorso, con Antonio Campo Dall’Orto in sella, la presentazione milanese dei palinsesti della Rai era stata più sociologica e meneghina. Incentrata sul cambiamento del mondo dei media, sulle tante novità di prodotto già pronte e su quelle in cantiere. Il nuovo dg, Mario Orfeo, è stato più diretto e politico. Più semplice, forse perfino troppo.

Ha spiegato bene, innanzi tutto, chiamando l’artista sul palco a ‘difendersi’ direttamente, perché aveva confermato Fabio Fazio e a che condizioni (stesso costo orario, più impegni). Come avesse dato una prospettiva internazionale al rinnovo con Alberto Angela: le sue trasmissioni saranno coprodotte anche dai francesi e, nelle intenzioni, distribuite in tutto il mondo.

Nella foto, da sinistra: Fabio Fazio, Mario orfeo, Andrea Fabiano, Ilaria Dallatana, Daria Bignardi e Angelo Teodoli

Orfeo non ha cincischiato troppo per raccontare a quali condizioni la tv pubblica intende conservare la collaborazione di Massimo Giletti: gli è stato offerto il sabato sera di Rai1 e dei reportage dai posti di guerra, quelli, per lo meno, in cui è presente un contingente militare italiano. ‘L’Arena’ viene cancellata perché la domenica l’informazione la farà Rai3, con il programma di Lucia Annunziata, ‘In mezzora’, in razione doppia; mentre Cristina Parodì farà l’intrattenimento familiare con ‘Domenica In’ sull’ammiraglia e Luca e Paolo raccoglieranno il testimone di Nicola Savino a ‘Quelli che il calcio’ su Rai2.
Il dg ha annunciato uno speciale, possibile, di Roberto Benigni su Rai1; non ha sciolto il nodo Sanremo (“E’ troppo presto, ma si sono proposti tanti professionisti di valore e non sarà difficile scegliere”).

Pochi accenni ai target, all’universo scomposto della fruizione nell’era del web, all’intenzione di raggiungere tutti i pubblici, anche quelli che Viale Mazzini si era persa per difetto d’innovazione, che erano stati gli elementi chiave della lunga prolusione di Campo Dall’Orto. Solo un generico impegno a raccontare la bellezza dell’Italia al primo punto del piano programmatico di Orfeo. Di cui, l’altro aspetto fondamentale, è parso essere il nuovo stile nel fare informazione e raccontare il Paese. “Essere locali e universali, baluardo di un racconto razionale, teso a far capire cosa succede nel mondo su basi solide e oggettive. L’informazione è una cosa seria, va depurata dalle urla e dalla spettacolarizzazione, ci vuole una visione sociale, completa e plurale della realtà” ha detto inclinando un po’ allo stile campodell’ortiano ad un certo punto Orfeo. Per fare questo salto, per migliorare il day time di Rai1, ma anche il clima del resto dell’offerta di base della tv pubblica, secondo Orfeo, “è necessaria una collaborazione più stretta ed efficace tra le reti e le testate”. Ma si tratta per adesso di una linea sull’informazione solo accennata. Che si dovrà incastrare con il progetto strutturale. Per metterlo a punto il dg si vuole prendere un po’ di tempo: “Non ci metterò due anni, ma datemi almeno qualche mese”.

Nella foto: il dg rai, Mario Orfeo, le direttrici di Rai2 e Rai3, Ilaria Dallatana e Daria Bignardi; e il direttore di Rai1, Andrea Fabiano

Orfeo ha dato molto spazio ai suoi quattro direttori. Andrea Fabiano per Rai1, Ilaria Dallatana per Rai2, Daria Bignardi per Rai3 (che da un anno all’altro ha abbandonato il look ultra sobrio dell’esordio pubblico da direttora) e infine al direttore di Rai4, Angelo Teodoli.

Nei palinsesti delle reti, almeno per adesso, pare prevalere la continuità. Rai1 avrà una nuova coppia al mattino (Franco Di Mare e Benedetta Rinaldi a ‘Uno mattina’) ed una al pomeriggio (Marco Liorni e Francesca Fialdini a ‘La vita in diretta’) a presidiare il day time. Che sarà meno urlato e con meno cronaca nera. Gli assi del fine settimana di Rai1 dovrebbero essere Carlo Conti (al venerdì), Massimo Giletti (al sabato) e Fabio Fazio (alla domenica). Alberto Angela sarà impegnato in ‘Passaggio a Nordovest’, nel pomeriggio di Rai1 del sabato, negli speciali dedicati alle bellezze delle città italiane (sempre sull’ammiraglia) e poi in ‘Ulisse’, in prime time sulla terza rete.Nel preserale di Rai1 è confermato Fabrizio Frizzi con ‘l’Eredità’, in access prime time Amadeus con ‘I Soliti Ignoti’ (in frigo, ma tornerà, ha detto Andrea Fabiano, il programma dei pacchi). In seconda serata confermati ‘Porta a Porta’ (Bruno Vespa) e ‘Petrolio’ (Duilio Giammaria). Tra le trasmissioni evento, oltre ad un ritorno di Roberto Bolle, Panariello (due serate prima di Natale) e un super omaggio a Luciano Pavarotti, è previsto l’esordio di Fiorella Mannoia (‘1,2,3 Fiorella’). Tra i nuovi volti della rete, al pomeriggio della domenica, anche Bebe Vio, con il programma in sei puntate ‘La vita è una figata’. La fiction? Eleonora Andreatta ha preparato per l’ammiraglia Provaci ancora prof 7, ‘Il paradiso delle signore 2’, ‘Sotto copertura 2’, ma anche novità come ‘Scomparsa’, ‘Sulle punte’, ‘In arte Nino’ (con Elio Germano nei panni del grande Nino Manfredi).

La quadratissima Ilaria Dallatana ha sottolineato come ‘Fedeli al cambiamento’ sia lo slogan ma anche il mantra della seconda rete: lo show ‘Stasera tutto è possibile’, il reality ‘Il Collegio 2’, il ritorno di ‘Casa Mika’, le conferme di ‘Pechino Express’, ‘Voyager’ e l’amatissimo Nemo sono le tessere chiave del mosaico. Dallatana sta cercando di convincere la Gialappa’s a restare a Rai2 e allestendo uno ‘Speciale Indietro Tutta’ con Renzo Arbore, a 30 anni di distanza dall’andata in onda della trasmissione cult. Fiction: per la seconda rete sono attesi all’esordio ‘Camera Cafè’ in access, e poi una nuova serie de ‘L’Ispettore Coliandro’.

Daria Bignardi si è dichiarata dispiaciuta di avere perso Fabio Fazio, “ma contenta del fatto che sia rimasto alla Rai”. Va avanti ovviamente Chi l’ha visto’, sono confermati con lode della direttora, ‘PresaDiretta’ e ‘Report’ per quello che riguarda le inchieste. ‘Cartabianca’ andrà ancora in onda in preserale e in prima serata, e quindi tra i volti della rete sono confermati l’applauditissima Franca Leosini (‘Storie Maledette’), Gad Lerner, Concita De Gregorio. Tra le novità più curiose della rete ci sarà l’esordio di ‘Opinione Pubblica’, formato mutuato dall’inglese ‘Common Sense’ (va in onda sulla Bbc). E’ atteso poi in autunno avanzato Michele Santoro al giovedì sera.