30 giugno 2017 | 10:28

L’arrivo del testo del Codice dello Spettacolo in Aula al Senato un risultato importante, dice il presidente Agis, Fontana. Definito un punto di partenza per avviare un percorso per la riforma del sistema

“Il testo del Codice dello Spettacolo approda in Aula al Senato ed è un importante risultato”. A dirlo Carlo Fontana, Presidente dell’Agis – Associazione Generale Italiana dello Spettacolo – in merito alla conclusione dei lavori sul Codice dello Spettacolo in Commissione al Senato. “L’aumento delle risorse del Fus, seppur di proporzioni inferiori alle attese, indicano una inversione di tendenza rispetto a tanti anni caratterizzati da riduzione della contribuzione pubblica”, ha spiegato.“Le risorse, previste anche per il 2018, in favore dello spettacolo dal vivo nei territori che hanno subito eventi sismici sono un altro segnale importante. Infine, l’allargamento dell’Art bonus a tutti i soggetti che operano nel settore dello spettacolo dal vivo è un’altra opportunità significativa che merita di essere segnalata”.

Carlo Fontana

Carlo Fontana

“Non vi è dubbio che le attese erano ben altre, soprattutto alla luce dell’importante lavoro svolto dalla relatrice Sen. Di Giorgi che intendiamo ringraziare per essersi, tra l’altro, fatta portatrice di proposte che avrebbero offerto risposte ancor più significative per il settore. Tutto ciò, però, si è scontrato con la carenza di risorse che la Commissione bilancio, come di consueto, non ha mancato di sottolineare”.

“Confidiamo che nel prosieguo dell’iter o, eventualmente, durante i lavori della legge di stabilità, si possa trovare il modo di reperire maggiori risorse per una completa riforma del sistema. Resta il fatto,” ha poi ribadito Fontana in conclusione, “che è stato definito un punto di partenza che avvia un percorso che condurrà ad ulteriori e significativi risultati”.