30 giugno 2017 | 15:49

Il parlamento tedesco contro l’hate speech online. Previste multe fino a 50 milioni per incitamento all’odio sui social

Il Parlamento tedesco ha approvato una misura per far fronte al problema dell’incitamento all’odio sui social media, introducendo la possibilità di imporre ai siti multe fino a 50 milioni di euro.

In particolare, segnala Ansa, le maxi multe sono previste per quei siti che non rimuovono i contenuti illegali, incluse le ‘false notizie’ diffamatorie, entro una settimana. Secondo gli esperti dei diritti umani la misura costituisce una minaccia per la libertà di parola.

Il primo dei colossi web ad intervenire sul tema è stato Youtube. “Siamo impegnati ad essere parte della soluzione ai contenuti offensivi illegali online e faremo di tutto per rispettare la nuova legge in Germania, nonostante le riserve e gli interrogativi ancora aperti”, ha fatto sapere la piattaforma di video sharing di Google tramite un portavoce.

“Da tempo siamo convinti che ci siano modalità più sofisticate per affrontare questo problema, per questo continueremo a lavorare a fianco ai governi, le forze dell’ordine, la società civile e altre aziende per sviluppare nuovi strumenti per affrontare e contrastare i contenuti offensivi online”.

Pochi giorni fa la piattaforma ha stretto un’alleanza con altri giganti del web come Facebook, Microsoft e Twitter annunciando la creazione del ‘Global Internet Forum to Counter Terrorism’ proprio per arginare il fenomeno dei contenuti terroristici online.