Protagonisti del mese

01 luglio 2017 | 10:36

Condivisione e no al rancore in tivù

“I media oggi o sono troppo insipidi o troppo sapidi, e quando c’è troppo sale la minestra diventa disgustosa. Per avere il sapore giusto ci vuole un orizzonte di senso e la forza di Tv2000 sta proprio qui, nella qualità della proposta e nella chiarezza con cui viene portata avanti”. Monsignor Nunzio Galantino, segretario della Cei molto attento ai media e alla comunicazione, parla del cambiamento di rotta dell’emittente televisiva, edita da vescovi italiani, che il 13 luglio presenterà le novità della programmazione.

“Mi colpisce molto la passione di chi ci lavora e si identifica con questo progetto perché ha il senso di guardare il mondo con gli occhi del Vangelo, e in questo abbiamo un brand eccezionale in papa Francesco”, dice monsignor Galantino, aggiungendo che una piccola tivù come Tv2000 riesce a emergere nell’enorme offerta proposta dal mercato “per la lealtà del patto con gli ascoltatori e anche per la qualità di una proposta crossmediale pensata con il punto di vista di chi crede ma si rivolge a tutti, moderna ma senza perdere le radici”.

Monsignor Nunzio Galantino (Foto: Primaonline.it)

“Il desiderio di fare sempre meglio è lo spirito che vedo a Tv2000, ma credo che oggi la nostra sfida sia quella della multimedialità, per questo cito sempre la radio e il web oltre alla televisione”, afferma monsignor Galantino nell’intervista a ‘Prima’. “Abbiamo il dovere di parlare il linguaggio del nostro tempo, di non lasciare indietro nessuno e di far sì che il linguaggio della contemporaneità riscopra la bellezza della condivisione e non si ripieghi come spesso vedo in tivù sul rancore, sulla rivalsa e purtroppo anche sulla cattiveria gratuita. C’è un bullismo che trova troppo spazio nella televisione e nella comunicazione. A Tv2000 questo non accadrà mai”.

L’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 484 – Giugno/Luglio 2017

Abbonati al mensile ‘Prima’ edizione cartacea (+ Uomini Comunicazione), alla versione digitale per tablet e smartphone o a quella combinata carta-digitale: Prima + Uomini + edizione per tablet e smartphone