Documenti

04 luglio 2017 | 18:30

“Il Sole vende 60mila copie digitali multiple al mese ma non può certificarle”. Colombo, dg commerciale Gruppo 24 Ore su Ads e concessionaria: priorità adeguare i prodotti, allargare il portfolio, lusso e professionisti. “Siamo a caccia di siti e radio”

Il ‘Sole 24 Ore’ vende 60mila copie digitali multiple al mese ma non può certificarle per la complessità delle nuove norme Ads. Il problema, infatti, nella certificazione di questo tipo di copie multiple digitali è il criterio imposto della ‘adoption’ cioè ottenere la dichiarazione di reale utilizzo da parte dell’utente finale. Lo ha detto oggi alla stampa Massimo Colombo, dg commerciale del Gruppo 24 Ore, secondo cui c’è un problema di interesse a fornire questa certificazione da parte del cliente e uno di privacy, entrambi difficili da superare. Difficoltà comuni a tutti gli editori. “E’ come se ci venisse chiesto di conoscere nome e cognome di chi compra il quotidiano in edicola”, spiega Colombo, “studiamo la situazione da due mesi e ancora non siamo riusciti a venirne a capo per cui nei dati Ads di maggio, in uscita il 7 luglio alla colonna Vendita copie digitali multiple Il Sole avrà ‘zero’. Mi chiedo cosa siano riusciti a fare gli altri editori”

Massimo Colombo, dg commerciale del Gruppo 24 Ore

“Da parte nostra nessun intento polemico verso Ads”, spiega il manager, “solo la volontà di essere trasparenti nel comunicare qual’è la situazione attuale”.

Nell’incontro, Massimo Colombo ha anche spiegato le strategie della concessionaria alla luce del piano di profonda riorganizzazione varato dal gruppo e  indicato i punti di forza commerciali dei sui principali media: quotidiano, Radio 24 e sito Sole24Ore.com (pdf). “Le nostre priorità su tutti i fronti sono adeguare i prodotti rispetto a un mercato in evoluzione, allargare il portafoglio clienti per fare massa e concentrarci su settori come lusso e professionisti”.

Sul formato berliner per il Sole 24 Ore. “Stiamo facendo una ricerca di mercato tra i nostri lettori per capire quale formato preferirebbero sfogliare, compreso naturalmente il berliner oggi adottato da gran parte dei quotidiani, ma al momento le nostre rotative permettono solo due formati, quello attuale grande e la sua metà”.

Sul fronte digitale è in atto un cambio formati e posizionamenti del sito dove peraltro è allo studio la possibilità di modificare l’offerta paywall che peradesso è free per i primi 5 articoli letti, poi prevede una registrazione e dopo altri 5 articoli passa a pagamento. “Puntiamo ad incrementare le sottoscrizioni di quei dirigenti che hanno interessi economico-finanziari trasversali”, dice Colombo.

“Il Sole è interessato ad allargare il portafoglio clienti della concessionaria nel mercato digitale e in quello radio”, aggiunge ancora Colombo che precisa: “il digitale è un mondo estremamente fluido, mentre la radio è stabile”. Il Sole è interessato a prendere in concessione Radio Kiss Kiss quando a fine anno Agcom la costringerà a lasciare Mediamond? “Ci interessano tutte le occasioni sul mercato”, chiosa Colombo.

- Leggi o scarica il documento del Gruppo 24 Ore sui punti di forza della sua concessionaria (pdf)

Leggi o scarica il documento del Gruppo 24 Ore sui punti di forza della sua concessionaria (pdf)