Sulla banda ultra larga il governo non può anteporre l’interesse di un privato a quello nazionale nazionale, dice il sottosegretario Giacomelli. Vivendi? Stiamo seguendo il lavoro delle Authority

“Non credo tocchi a noi decidere iniziative particolari” e “seguiamo con attenzione il lavoro delle authority”. Lo ha affermato il sottosegretario allo Sviluppo economico con delega alle Tlc, Antonello Giacomelli, a margine dell’assemblea di Confindustria Radio Tv rispondendo ai cronisti che gli chiedevano un commento sulla vicenda Mediaset-Vivendi.

Antonello Giacomelli, sottosegretario ministero dello Sviluppo economico con delega alle comunicazioni (foto Olycom)

“Siamo certi – ha proseguito – che le authority abbiamo piena consapevolezza, forza e che siano garantiti il rispetto delle regole e le condizioni di normalità del mercato italiano”. “Io – ha sottolineato Giacomelli – sono fermo alle parole del presidente Gentiloni quando ha commentato mesi fa questo evento, il governo è attestato su quella linea”, ha concluso.

I rapporti tra il governo e Tim “sono come quelli con tutti gli altri operatori”, ha aggiunto Giacomelli in merito al piano nazionale sulla banda ultra larga. “Credo che Tim – ha proseguito Giacomelli – debba essere protagonista di questo progetto come ogni altro soggetto, ma quello che non può accadere con nessuno è pensare che il governo possa posporre l’interesse nazionale a un, pur legittimo, interesse privato”.

A margine dell’incontro Giacomelli ha poi confidato a Prima che, riguardo al nuovo contratto di servizio con la Rai, il governo presenterà prima della pausa estiva la sua proposta come da impegno preso in Commissione di Vigilanza.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Fnsi: basta aggressioni ai giornalisti, la democrazia è in pericolo

L’Ue apre un’indagine sull’acquisizione di Shazam da parte di Apple

Tribunale accoglie ricorso di Tim e Vivendi: no a revoca consiglieri