La nuova convenzione stato-Rai prevede un meccanismo di contabilità separata tra proventi del canone e pubblicità. Giacomelli: ruolo più incisivo per l’Agcom

“Nella nuova convenzione stato-Rai è previsto un meccanismo molto rafforzato in tema di contabilità separata” tra proventi del canone e della pubblicità “che indica anche un ruolo più incisivo dell’Agcom”. Lo ha detto il sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli, a margine della relazione annuale dell’Autorità interpellato sulla necessità espressa dalla stessa Agcom di rendere trasparente il valore (pubblico) economico e qualitativo delle linee editoriali.

Antonello Giacomelli (foto Olycom)

Antonello Giacomelli (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Stefanelli alla direzione di ‘Sette’ che si riorganizza accorpando LiberiTutti. Severgnini punta sulla tv

Manuela Kron amplia le responsabilità in Nestlé Italia. Alla guida anche del marketing consumer communication 

Verdelli si presenta ai lettori: non sono un figlio di Repubblica, ma sono in sintonia con questa straordinaria avventura giornalistica e culturale