Dal 4 al 7 settembre in onda su Rai1 ‘Nel nome del popolo italiano’, serie di docu-film per raccontare le storie di Vittorio Occorsio, Piersanti Mattarella, Marco Biagi e Natale De Grazia

Natalia Lombardo – Quattro persone che hanno perso la vita per aver servito lo Stato, combattuto la mafia o cercato la verità, guardato avanti nello sviluppo del mondo del lavoro, o inseguito nel mare l’ombra di chi lo stava avvelenando. In quattro docu-film la Rai racconta le storie di Vittorio Occorsio, Piersanti Mattarella, Marco Biagi e Natale De Grazia, che saranno trasmessi in prima visione, un giorno per ognuno, dal 4 al 7 settembre in seconda serata su RaiUno.

Un momento della conferenza stampa di presentazione

Il ciclo ‘Nel nome del popolo italiano‘, prodotto da Gloria Giorgianni per Anela, con Tore Sansonetti e Carlotta Schininà e con Rai Cinema e Rai Com, fa parte del filone storico-civile già avviato dalla Rai, “e raccontare quattro servitori dello Stato che hanno dato la loro vita è un dovere per noi come servizio pubblico”, commenta Paolo Del Brocco, presidente di Rai Cinema alla conferenza stampa a viale Mazzini (assenti i vertici, sia la presidente Maggioni che il dg Orfeo).

Un racconto mirato, e questa è la novità, alla formula televisiva del docu-film, con tante immagini di repertorio anche privato e attori-narratori che danno voce alle testimonianze dei parenti. Soprattutto dei figli o dei nipoti, delle giovani generazioni a cui è rivolto lo stesso ciclo che, infatti, dovrebbe girare nelle scuole.

Da sinistra: Massimo Poggio, Gian Marco Tognazzi e Dario Aita

Le storie sono quelle di Vittorio Occorsio, giudice ucciso nel 1976 dalle organizzazioni neo fasciste, per la regia di Gianfranco Pannone e l’attore Gian Marco Tognazzi. Fu il primo magistrato ad occuparsi della P2, dei rapporti tra terrorismo nero, massoneria e apparati deviati del Sifar. Un secondo doc racconta Piersanti Mattarella, presidente della Regione Sicilia ucciso dalla mafia nel 1980 a Palermo nella tragica stagione della “guerra di mafia” che vide cadere i tanti che la combatterono; la regia è di Maurizio Sciarra, l’attore narrante il giovane Dario Aita, con la partecipazione di Mimmo Cuticchio.

Un’altra figura è quella di Marco Biagi, l’economista freddato dalle Nuove Brigate Rosse a Bologna nel 2002, del quale viene rivelato anche il personaggio attraverso meteriale inedito e privato fornito dalla moglie; la regia è di Gianfranco Giagni, l’attore Massimo Poggio.

Con la regia di una donna, Wilma Labate, la storia di Natale De Grazia, capitano di fregata che lottò contro il traffico dei rifiuti tossici e radioattivi (lo stesso filone sul quale indagava Ilaria Alpi, spiega la regista) e fu avvelenato. A raccontarne la storia è Lorenzo Richelmy, anche lui attore molto giovane. Insomma, quattro “eroi nazionali”, dei quali però viene scoperto anche il lato umano, tanto forte quanto silenzioso, di “uomini normali”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Al forum di Wpp Italia e TEH Ambrosetti tutto sui Millennials, la generazione che sta cambiando la società e la pubblicità

Malagò ancora contro il Governo: con quattro righe è stato ucciso il Coni

Il Wall Street Journal vara una task force contro fake news e video artefatti