Netflix chiude il secondo trimestre con ricavi in crescita del 32% e 5,2 milioni di nuovi iscritti. E per la prima volta la maggior parte degli abbonati sono al di fuori degli Stati Uniti

Abbonati in crescita per Netflix, che ha chiuso il secondo trimestre registrando una crescita superiore alle previsioni con 5,2 milioni di nuovi iscritti contro i 3,2 milioni attesi. La società californiana conta ora 104 milioni di utenti in tutto il mondo e, per la prima volta nella sua storia, la maggior parte degli abbonati – poco più di 52 milioni – sono al di fuori degli Stati Uniti. A livello internazionale, Netflix ha aggiunto 4,14 milioni di abbonanti, al di sopra della guidance a 2,6 milioni. I nuovi utenti Usa sono arrivati a 1,07 milioni, contro un target di 600 mila.

(infografica ripresa dal sito Recode.net)

I ricavi sono saliti del 32% a 2,79 miliardi di dollari, con il margine operativo calato dal 9,7% del primo trimestre a 4,6%. Sul fronte degli utili, il risultato trimestrale si è attestato a 66 milioni di dollari, in crescita dai 44 milioni dello stesso periodo dello scorso anno. L’Eps è di 0,15 dollari. Gli analisti si aspettavano un Eps a 0,16 dollari su 2,76 miliardi di dollari di ricavi.

La forte crescita arriva in un momento di competizione serrata, con Amazon, Hulu e Youtube che stanno diventando sempre più aggressivi nel business dello streaming di contenuti ad alta qualità.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Confindustria Radio Tv: tagli a informazione non portano benifici; costruire nuovo modello business e riconosciuto copyright 

Dal 22 ottobre al via ‘Fuorilegge’, spazio settimanale di Klaus Davi su TgCom24

Panorama: dai giornalisti ribadito il no alla cessione