Adriano Galliani nominato presidente di Mediaset Premium. Pier Silvio Berlusconi: la sua presenza assicura autorevolezza in vista dell’asta dei diritti tv per la Serie A

Adriano Galliani, è il nuovo presidente di Mediaset Premium. Ad annunciarlo una nota della società, nella quale si precisa che la nomina rientra nel quadro di un’evoluzione “sempre più innovativa dell’offerta” della pay tv.

“Alla vigilia dei nuovi bandi d’asta d’autunno per i diritti tv della Serie A 2018-2021, la presenza ai vertici Premium di una figura di grande esperienza nel mondo dello sport e dei diritti tv assicura alla società autorevolezza di standard assoluto”, scrive ancora Premium. Un concetto ribadito anche dall’ad di Mediaset, Pier Silvio Berlusconi che ha definito l’ingresso di Galliani “un rafforzamento importante” in vista proprio delle prossime scadenze sul calcio.

Adriano Galliani (foto Olycom)

Galliani si affianca all’amministratore delegato Marco Leonardi nominato lo scorso marzo e con il suo arrivo si completa il nuovo assetto di vertice che guidarerà Mediaset Premium nelle prossime, avviando il processo di digital transformation.

Ex amministratore delegato del Milan nell’era Berlusconi ed ex vice presidente della Lega Serie A, Galliani alla fine dello scorso mese di aprile ha assunto la presidenza delle società immobiliari del gruppo Fininvest.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Agcom: multa da 2,4 milioni a Sky per il pacchetto Calcio. La pay annuncia ricorso al Tar: agito nel rispetto delle norme

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Stati generali editoria: circa 800 risposte alla consultazione pubblica. Libertà, tutela minori e privacy i temi meno sentiti. Vincono i soldi

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva

Copyright, ricorso della Polonia alla Corte Ue contro la direttiva: rischio censura preventiva