26 luglio 2017 | 11:23

Nozze con Rai Way impossibili nei prossimi 12 mesi, dice il ceo di Ei Towers Barbieri. Persidera? Abbiamo dei limiti Antitrust da rispettare

Un matrimonio tra Ei Towers e Rai Way ”non è qualcosa che può accadere nei prossimi 12 mesi”. A dirlo, nel corso della conference call con gli analisti, Guido Barbieri, ceo di Ei Towers – società controllata da Mediaset, parlando della possibilità di creare di un campione nazionale delle torri  grazie a un matrimonio con la società controllata da Viale Mazzini.  ”Conoscete la nostra posizione” su Rai Way, ha spiegato il manager che in più occasioni si è espresso a favore di un’integrazione tra le due realtà, ribadendo però come dalle parti di Eitowers sia alta la convinzione che manchino, almeno fino alla prossima legislatura, le condizioni politiche per rivedere l’assetto azionario di Rai Way, che il Dpcm sulla privatizzazione ritiene opportuno resti sotto il controllo dello Stato.

Guido Barbieri, ad di Ei Towers

L’opas su Rai Way “era pienamente legittima, come abbiamo detto molte volte”, ha detto ancora Barberi che poi, interpellato in merito ad un eventuale interesse di Ei Towers per Persidera, la società dei multiplex che Tim potrebbe dismettere, ha spiegato: “è qualcosa che ci piacerebbe ma non è sul tavolo” in quanto “abbiamo dei limiti antitrust che dobbiamo rispettare”. Mediaset detiene infatti già cinque multiplex, il massimo consentito dalla legge.

Sul fronte dei conti, la società ha chiuso il primo semestre dell’anno con un utile di 28,9 milioni di euro, in crescita del 31,6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. I ricavi caratteristici sono cresciuti del 5,7% a 130,9 milioni mentre l’ebitda (margine operativo lordo) è salito del 13% a 65,7 milioni di euro. La posizione finanziaria netta è negativa per 302,8 milioni. I dati economico-finanziari del primo semestre comunque, ricorda una nota della società, sono complessivamente in linea con quanto previsto dal management.