27 luglio 2017 | 16:01

Faro dell’Antitrust sulle gare per i diritti tv della Serie A all’estero. Avviata istruttoria per presunto cartello tra gli intermediari

L’Antitrust ha avviato un’istruttoria per un presunto cartello di alcune società di intermediari nella gara per i diritti tv. A finire nel mirino, le società appartenenti ai gruppi Media Partners & Silva, IMG e B4. Le possibili violazioni alle legge, si legge nella nota dell’Autorità garante per la concorrenza ed il mercato, riguardano le gare indette, a partire dal 2009, dalla Lega Professionisti serie A per la commercializzazione dei diritti relativi alla visione all’estero delle partite svolte nel territorio italiano nell’ambito della Serie A (Campionati di Calcio di serie A, Torneo di Coppa Italia, Gara della Supercoppa di Lega, nonché alcuni campionati giovanili e della squadra di calcio della Lega) e della serie B.

Giovanni Pitruzzella, presidente dell’Agcm (foto Olycom)

L’istruttoria è stata avviata sulla base della documentazione trasmessa dalla Procura della Repubblica di Milano.

In particolare, si legge ancora nel comunicato dell’Antitrust, si sospetta che gli intermediari, a partire dal 2009, abbiano posto in essere comportamenti volti ad alterare l’esito finale delle procedure indette dalla Lega Professionisti Serie A per l’assegnazione dei diritti TV relativi alla visione delle competizioni di calcio nei territori diversi dall’Italia, a ripartirne gli utili e le aree geografiche di distribuzione. Il termine per la conclusione del procedimento è fissato al 31 ottobre 2018.

Oggi si sono svolte ispezioni, con l’ausilio della Guardia di Finanza, presso le sedi delle società partecipanti alle gare e di altri soggetti ritenuti in possesso di informazioni rilevanti.