Via libera dal Consiglio dei Ministri al regolamento per la distribuzione delle risorse alle emittenti locali dal Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione. Il sottosegretario Giacomelli: stop ai contributi a pioggia. Premiato chi fa l’editore

Via libera dal Consiglio dei ministri, in esame definitivo, al “regolamento per il riparto delle risorse del Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione”, “su proposta del Presidente Paolo Gentiloni, del Ministro per lo sport con delega all’editoria Luca Lotti e del Ministro per lo sviluppo economico Carlo Calenda.

La sala del Consiglio dei ministri

La sala del Consiglio dei ministri

A renderlo noto il comunicato stampa del Consiglio dei Ministri, nel quale si spiega che il provvedimento, che ha come criteri di merito il sostegno all’occupazione, l’innovazione e la qualità della informazione, “è stato adottato ai sensi della legge di stabilità 2016, che ha destinato parte delle risorse derivanti dal recupero dell’evasione sul canone – fino a 100 milioni di euro – per il Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione”. “Da tale ammontare, fino a 50 milioni saranno destinati alle emittenti radio televisive locali e si andranno a sommare alle risorse già previste per il sostegno alle emittenti locali, pari a circa 67 milioni per il 2017”.

“Il Consiglio dei ministri ha approvato il nuovo Regolamento per le tv e radio locali. Dopo l’intervento sulle frequenze, l’aumento delle risorse e la creazione del fondo unico con l’editoria, questo ultimo tassello rappresenta un elemento decisivo e qualificante che completa il percorso voluto dal governo Renzi e condiviso dal governo Gentiloni”, ha commentato il sottosegretario allo Sviluppo economico Antonello Giacomelli.

Antonello Giacomelli (foto Olycom)

Antonello Giacomelli (foto Olycom)

“Il senso del nuovo testo è quello di premiare chi svolge davvero il ruolo di editore, chi fa informazione, chi assume, investe e rispetta le regole. Chi vuol fare azienda, insomma, e non chi cerca solo il modo di lucrare un sussidio”, ha spiegato, sottolineando come viene così posta fine “ai contributi a pioggia, giustamente stigmatizzati dalla Corte dei Conti e diamo agli operatori locali uno strumento efficace di sostegno a garanzia del merito, del pluralismo e dell’informazione. Approvare il regolamento prima della pausa estiva era il nostro obiettivo e la sollecitazione di tutte le emittenti”, ha concluso Giacomelli.

“Il via libera definitivo al nuovo regolamento per il Fondo tv locali rappresenta un passaggio fondamentale molto atteso da imprese e lavoratori del settore. Dopo la valutazione del parlamento, che le commissioni Trasporti e Cultura della Camera hanno cercato di velocizzare il più possibile per venire incontro a chi opera nel settore dell’emittenza privata locale e spesso fornisce un vero e proprio servizio pubblico, ora è arrivato l’ok definitivo del Governo, a coronamento di un lungo lavoro del Governo Renzi prima e ora del Governo Gentiloni”. E’ quanto ha scritto invece su Facebook il deputato Pd e segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi, relatore in commissione Trasporti e telecomunicazioni della Camera del regolamento sulle tv locali.

“Con le nuove regole si premia chi favorisce il lavoro, chi investe sull’informazione locale, chi tutela le proprie professionalità e la qualità del servizio ai cittadini”, ha scritto ancora Anzaldi, aggiungendo: “In questo senso va anche la richiesta avanzata in commissione di prevedere penalizzazioni per chi diffonde fake news”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mancano contenuti. Negli Usa si blocca Today In, il servizio di Facebook per le notizie locali

Mancano contenuti. Negli Usa si blocca Today In, il servizio di Facebook per le notizie locali

Responsabili comunicazione Diocesi al summit di Assisi su Internet, comunità online ed elezioni Europee

Responsabili comunicazione Diocesi al summit di Assisi su Internet, comunità online ed elezioni Europee

Tre nuove assunzioni a Open: i candidati saranno scelti tra i 15mila dell’estate scorsa

Tre nuove assunzioni a Open: i candidati saranno scelti tra i 15mila dell’estate scorsa