09 agosto 2017 | 17:38

Disney si prepara a sfidare Netflix, lanciando due nuovi servizi streaming. In arrivo nel 2018 un canale dedicato allo sport Espn e nel 2019 uno per i suoi film e cartoni animati

Novità in arrivo per la Disney. Il colosso dell’animazione ha annunciato l’intenzione di puntare sempre di più sullo streaming, realizzando due suoi canali. Il primo, operativo dal prossimo anno, sarà legato al suo canale sportivo ESPN e includerà le competizioni della Major League Baseball e della National Hockey League, offrendo 10.000 eventi dal vivo l’anno, disponibili per abbonamenti anche a seconda dello sport preferito. Il secondo, dal 2019, metterà a disposizione tutti i prodotti marchiati Disney e Pixar, dai classi lungometraggi a cartoni animati, ai telefilm più recenti. E di conseguenza Disney ha annunciato che non verrà rinnovato l’accordo di distribuzione che il gruppo ha attualmente con Netflix, in scadenza alla fine del 2019.

Robert A. Iger, chief executive Disney (foto Olycom)

Per realizzare i due progetti, il papà di Topolino ha incrementato anche la sua partecipazione in BamTech, società specializzata nella diffusione di canali streaming, di cui possiede già il 33%, investendo 1,58 miliardi di dollari per assicurarsi un’ulteriore fetta del 42%.

La mossa coincide con i segnali di abbandono negli Usa della tv via cavo, alla quale gli americani stanno sempre più preferendo i servizi in streaming. E lo stesso segmento del network via cavo di Disney – dove è presente anche Espn – ha registrato utili operativi in calo del 23%.

“I membri di Netflix negli Stati Uniti avranno accesso ai film Disney disponibili sul catalogo fino alla fine del 2019, compresi tutti i nuovi film che verranno proiettati nelle sale cinematografiche entro la fine del 2018. Continuiamo a collaborare con la Walt Disney Company a livello globale su molti fronti, inclusa la Marvel TV”, ha specificato poi nelle ore successive all’annuncio un portavoce della tv in streaming.