Dati e cifre

21 agosto 2017 | 15:59

Classifica e trend dei siti di news più seguiti nel mese di giugno per audience complessiva e organica (senza contributi esterni) – TABELLA

Nella classifica di giugno dell’informazione online, stilata da Prima sulla base dei dati di Audiweb Database, Repubblica,it è sempre saldamente in testa, come è ormai tradizione. Nelle posizioni successive ci sono stati però diversi sommovimenti, a cominciare dal secondo posto, conquistato da TgCom24. Il giornale online di Mediaset prosegue infatti la sua corsa (nell’ultimo anno è cresciuto del 31%) e supera di slancio il sito del Corriere della Sera, calato del 5,5% rispetto a maggio.

Perde terreno (-17%) anche l’altro quotidiano di Rcs, la Gazzetta dello Sport, che mantiene comunque il quarto posto. Al quinto si piazza Citynews, con i suoi 42 giornali locali online (più uno nazionale, Today.it), conquistando due posizioni rispetto al mese scorso. Anche LaStampa.it guadagna due posizioni, salendo al sesto posto, a spese di Donna Moderna. Nell’ultimo anno il sito del settimanale femminile di Mondadori è cresciuto del 57%, ma in giugno la sua corsa si è arrestata, con una perdita del 9% del traffico rispetto a maggio. Ancora più accentuata (-24%) la flessione del settimo classificato, il Messaggero, che dal quinto scende all’ottavo posto.

Nono si conferma Tiscali, con 538mila utenti unici nel giorno medio. In decima posizione si piazza TuttoMercatoWeb.com, superando l’Ansa. Quando il calciomercato stava entrando nel suo periodo clou, il sito fondato e diretto da Michele Criscitiello è cresciuto del 23%, in controtendenza rispetto agli altri siti sportivi: Gazzetta.it, come abbiamo già detto, ha perso il 17%; la stessa flessione ha registrato il Corriere dello Sport, mentre l’altro quotidiano del gruppo Amodei, Tuttosport, è calato del 12% rispetto a maggio.

Notevole l’exploit del Sole 24 Ore, che in giugno ha registrato un +16,2% rispetto a maggio e che in meno di un anno (dal settembre 2016) è salito dal 17° al 12° posto. Un’escalation che il quotidiano spiega con la nuova linea editoriale voluta dal direttore Guido Gentili di aumento della quantità e miglioramento della qualità dei contenuti specialistici, grazie al rafforzamento dell’integrazione tra carta e web. In particolare hanno influito in maniera positiva sugli accessi l’appuntamento con la dichiarazione dei redditi, gli effetti sui mercati dei recenti fatti di cronaca e le notizie dall’America di Trump.

Notevole anche l’exploit del Post che guadagna dieci posizioni rispetto a maggio e conquista il 35° posto, con 91mila utenti unici complessivi, contro i 67mila del mese precedente (+37%).

Per interpretare i cali di diversi giornali online rispetto a un anno fa c’è da considerare che, come abbiamo più volte ripetuto, le rilevazioni di Audiweb per ora non tengono conto del traffico in app sui social network, che rapprersenta una quota importante dell’audience dei siti di informazione. Non ci sono stati invece fatti particolarmente rivelanti nel giugno dello scorso anno che potessero catalizzare l’interesse dei lettori online, salvo il referendum sulla Brexit del 23 giugno 2016, che ha suscitato un ampio dibattito anche da noi. Nel confronto con il mese precedente bisogno tener conto che in maggio c’è stata la conclusione del campionato di calcio italiano, con la vittoria della Juventus, fatto che indubbiamente ha inciso in particolare sul traffico dei siti sportivi. Da considerare anche gli accordi commerciali tra i vari siti (le cosiddette TAL, traffic assigment letters), che incidono direttamente sull’audience rilevata. A questo proprosito, la principale novità di giugno riguarda Repubblica, che ha eliminato il channel ‘Tom’s HW – Computer & Consumer Electronics News’, che era l’unica TAL attiva del quotidiano online.

Sulla base dei dati di Audiweb Database si può stilare anche un’altra classifica: quella degli editori di siti d’informazione. Nettamente in testa a questa particolare classifica è Gedi Gruppo Editoriale (la nuova denominazione del Gruppo Editoriale L’Espresso), con 2 milioni 79mila utenti unici complessivi nel giorno medio (nel giugno 2016 erano 2 milioni 175mila), cifra a cui vanno aggiunti i 598mila di LaStampa.it, visto che proprio in giugno si è compiuta l’integrazione di Italiana Editrice (che pubblica La Stampa) nel gruppo presieduto da Marco De Benedetti.

Al secondo posto sale il gruppo Mondadori, con 1 milione 998mila utenti unici, contro i 558mila di un anno prima; un exploit dovuto all’acquisizione di Banzai Media, che ha portato in dote siti frequentatissimi come PianetaDonna, Giallo Zafferano, Smartworld, Studenti.it e altri (in totale circa 2 milioni di utenti unici nel giugno 2016).

Terzo è Rsc Mediagroup (1 milione 722mila utenti unici); quarto Mediaset (1 milione 531mila); quinto Caltagirone Editore (913mila) con i siti dei suoi sette quotidiani (Messaggero, Corriere Adriatico, Gazzettino, Mattino, Leggo e Nuovo Quotidiano di Puglia). Triboo con i suoi 21 siti (tra cui i più frequentati sono DireDonna e Html.it) totalizza 764mila utenti unici; Citynews 633mila, la Rai 542mila, Tiscali 543mila, TC&C (l’editore di TuttoMercatoWeb) 510mila, Sky Italia 473mila.

Claudio Cazzola

(articolo aggiornato il 4 settembre)