NOVITA’: Classifica dei media italiani più attivi sui social e dei post con più interazioni. Ad agosto sul podio social Repubblica, Today e Fanpage. I post più condivisi: stupro di Rimini, attentato a Barcellona e …- INFOGRAFICA

Primaonline.it pubblica la prima classifica dei media italiani più attivi sui social e dei post con più interazioni. Questa  Italian Social Media Ranking  si riferisce al mese di agosto 2017 e sarà prodotta mensilmente.  Questa originale classifica è realizzata da Storyclash, società internazionale con base in Austria.

ATTENZIONE: questa prima classifica prodotta da Storyclash è ‘work in progress’. Invitiamo chiunque voglia aiutarci a migliorare la selezione delle testate presenti a segnalarlo a borghi@primaonline.it

 

Storyclash regularly publishes Social Media Rankings by covering online content with the most social media interactions on Facebook, Google+ and since August newly added: Twitter Interactions. Interactions are summarized as all likes, shares, comments and reactions that trending articles obtain. Storyclash tracks billions of social media interactions worldwide and enables publishers, online media newsrooms and brands to discover viral articles, watch competitors in real-time and make data driven decisions to get more engagement on social media.
Further information can be found here: https://blog.storyclash.com/storyclash-social-news-charts/

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste