Facebook rassicura gli inserzionisti: nessuno spot finirà all’interno di video sgradevoli

Facebook rassicura i suoi 5 milioni di inserzionisti sul tipo di post a cui vengono associate le loro pubblicità. Il social network ha introdotto gli “standard di idoneità alla monetizzazione”: una lista di contenuti che editori e creatori devono evitare – dalla pornografia ai messaggi razzisti – se vogliono intascare una fetta delle entrate pubblicitarie. La mossa di Facebook arriva dopo i problemi che nella primavera scorsa hanno colpito YouTube, abbandonata temporaneamente da alcuni inserzionisti dopo che i loro spot erano stati casualmente associati a filmati con contenuti estremisti. Se chi pubblica video e articoli su Facebook vuole continuare a guadagnare con le inserzioni, deve stare all’interno delle linee guida pubblicate dal social network. Immagini e testi non devono raffigurare minorenni che fumano e persone che fanno uso di droghe o praticano attività illegali, ad esempio. Occorre evitare filmati violenti, pulp e pornografici. Le linee guida, inoltre, mettono al bando il linguaggio scurrile e offensivo, i messaggi d’odio, il razzismo e la discriminazione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Piero Angela torna super senza la concorrenza del calcio. Bene Telese e Parenzo

Macelloni (Inpgi): nell’editoria l’economia digitale ha portato finora solo recessione

Mentana, progetto digitale per “ricucire divorzio tra informazione e giovani”, ma i ragazzi “hanno poca voglia di rischiare”