Stati Uniti e Regno Unito al contrattacco sugli influencer: più chiarezza verso i consumatori nel distinguere i consigli dalle pubblicità social

Gli istituti garanti dei consumatori di Regno Unito e Stati Uniti hanno messo nel mirino gli influencer. Come spiega il ‘Guardian‘, infatti, a destare preoccupazione tra gli utenti dei social network è soprattutto l’assenza di un confine chiaro tra dove finiscono i “consigli sinceri” di questi campioni di follower e dove comincia la “pubblicità” vera e propria. Oltre che la scarsa trasparenza da parte di essi. Nel Regno Unito, per esempio, vige l’obbligo di utilizzare l’hashtag #ad or #spon. E anche gli Usa stanno provando a suggerire l’utilizzo di #sponcon (che sta per contenuto sponsorizzato), ma non basta: il 935 dei post su Instagram ne è privo. Proprio Instagram potrebbe essere il primo social ad adottare una policy interna per i contenuti sponsorizzati degli influencer.

Kylie Jenner (Foto: Instagram)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Piero Angela torna super senza la concorrenza del calcio. Bene Telese e Parenzo

Macelloni (Inpgi): nell’editoria l’economia digitale ha portato finora solo recessione

Mentana, progetto digitale per “ricucire divorzio tra informazione e giovani”, ma i ragazzi “hanno poca voglia di rischiare”