Protagonisti del mese

27 settembre 2017 | 8:57

PRINCIPALI SERVIZI E INTERVISTE NEL NUMERO 486 – SETTEMBRE 2017

Storia di copertina – Editori vi faccio guadagnare Matteo Arpe, ad del fondo Sator ed editore con News 3.0, è sicuro di riuscirci con l’app Tinaba Media, estensione di Tinaba, che sta per lanciare. “Si tratta”, dice nell’intervista, servizio di copertina del mese, “di un innovativo sistema di pagamento senza costi aggiuntivi per il lettore. Basta un centesimo per permettere agli editori di fare cassa”.

Editoria – Buone notizie dal regno di Cairo – Lanciato il dorso “Buone Notizie” al martedì il Corriere della Sera sta sbarcando a Torino (la città della storica squadra del Toro di cui Cairo è presidente) con il dorso di cronaca affidato a Umberto La Rocca. Poi va alla conquista di Napoli con il format Cibo a Regola d’Arte ideato dalla food editor Angela Frenda.

Agenzie di stampa – Tra ricorsi alla magistratura e complicazioni non si è ancora conclusa la competizione europea voluta dal ministro Lotti per affidare i servizi giornalistici della pubblica amministrazione. E mentre lascia il capo dipartimento che l’ha messa in piedi, appare lontano l’obiettivo di ridurre il numero dei soggetti partecipanti e l’entità della spesa

Lavoro e media – Dagli ‘Operai’ di Lerner ai quotidiani: come si raccontano i problemi di un mondo frammentato, in enorme cambiamento

Giornalismo sportivo -­ Pucciniano, laziale, un po’ secchione e soprattutto radiocronista dalla formazione solida, cresciuto sulle orme di Ciotti, Ameri e Martellini fino a diventare per 20 anni la voce della Nazionale. E ora per Riccardo Cucchi la nuova stagione è alla ‘Domenica Sportiva’ dove lo ha voluto Gabriele Romagnoli

Editoriale Domus – L’amministratore delegato Sofia Bordone, che ha preso Walter Mariotti come direttore editoriale, sta rivoluzionando il sito della testata Domus e portando avanti il restyling di Quattroruote.

L’informazione su misura – Emilio Vacca, responsabile mobile del Daily Telegraph racconta la ricetta per il futuro: conoscere l’utente, sapere, con l’aiuto dell’intelligenza artificiale, come preferisce fruire i contenuti

Guido Rossi – il Professore – Grande avvocato ed esperto di diritto, scomparso il 21 agosto, è stato tra le tante cose uomo che ha avuto a che fare con il mondo dell’informazione più volte chiamato a giocare partite decisive. Prima lo omaggia ripubblicando un lungo articolo su di lui del febbraio del 1997 e i ricordi di ‘testimoni del tempo’: Teo Delavecuras (Consob), Bruno Perini, (il Manifesto), Giulio Anselmi (il Messaggero), Corrado Passera (la battaglia di Segrate), Vito Gamberale (Telecom Italia), e Fabio Tamburini (Un libro mai fatto).

Discovery – E caccia grossa di ascolti e talenti. Continua la sfida del gruppo sul mercato televisivo italiano.

Sky ­ – Ricca offerta di programmi per la stagione 2017-2018, caratterizzata dalla ricerca di qualità, il grande sport, produzioni originali in Italia e Europa, e dall’investimento in tecnologia.

Cinema – Arriva nelle sale ‘Babylon Sisters’, di Tico Film, casa di produzione di Gino e Sarah Pennacchi. Piccolo è bello, soprattutto a Trieste e con una storia di integrazione tra culture.

Comunicazione – Intesa Sanpaolo punta sul ‘dream sharing’: quando la banca, anche con uno spot, va incontro alle persone.

Automobilismo – Il presidente dell’Automobile Club d’Italia Angelo Sticchi Damiani racconta il grande impegno economico e organizzativo per il Gp di Monza “un investimento in un evento straordinario che crea ricchezza sul territorio e che ha ampi margini di crescita”.

Italiaonline ­- Digitalizzare le Pmi è la missione di Ivan Ranza, chief commercial officer business unit Sme and media agency, del gruppo che fa che fa capo al finanziere Naguib Sawiris, e guidato da Antonio Convert. “Le piccole e medie imprese sono l’ossatura dell’economia nazionale, hanno enormi potenzialità e stanno per esplodere”, dice il manager.

Branded entertainment – La presidente di Obe Laura Corbetta racconta la missione dell’Osservatorio Branded Entertainment.

Cinema e fiction – Il decreto di riforma del ministro dei Beni culturali Dario Franceschini che prevede il raddoppio delle quote di investimento per le opere italiane e europee scatena le reazioni furiose dei broadcaster

 

Abbonati al mensile ‘Prima’ edizione cartacea (+ Uomini Comunicazione), alla versione digitale per tablet e smartphone o a quella combinata carta-digitale: Prima + Uomini + edizione per tablet e smartphone