29 settembre 2017 | 11:55

Il nostro obiettivo è trasformare Tim in una vera Digital Telco, dice Amos Genish nominato amministratore delegato della società. Approvata dal Cda la joint venture con Canal+

Amos Genish è il nuovo amministratore delegato di Tim. Ad annunciarlo una nota della telco diffusa al termine del Cda che si è svolto ieri nella quale si specifica che con la nomina, avvenuta all’unanimità, al manager sono state conferite deleghe esecutive. Da gennaio a luglio 2017 chief convergence officer di Vivendi, con la responsabilità di sviluppare la strategia di convergenza del Gruppo fra contenuti, piattaforme e distribuzione, Genish lo scorso luglio era entrato in Tim con la carica di direttore operativo, e ora prende ufficialmente il posto lasciato libero dopo l’uscita dal gruppo di Flavio Cattaneo.

“Abbiamo una chiara visione di lungo termine: vogliamo riportare Tim ai fasti che le competono, contribuendo in maniera determinante alla digitalizzazione del Paese, alla creazione della Digital Italy, attraverso investimenti e persone. Tim deve avere una collaborazione costruttiva con le istituzioni e le autorità: creare valore per Tim vuol dire creare valore per il Paese”, ha commentato il presidente esecutivo, Arnaud de Puyfontaine, che in attesa dell’ufficialità della nomina ha gestito l’interim delle deleghe da amministratore delegato.

“Il nostro obiettivo è trasformare Tim in una vera Digital Telco”, ha aggiunto Genish, al qual è stata assegnata anche la responsabilità di Brand Strategy & Media, prima in capo al Presidente Esecutivo.

Amos Genish (foto telecomitalia.it)

Dal Cda, con “decisione assunta a maggioranza” è stato definito il nuovo assetto delle deleghe (Qui il dettaglio di tutte le deleghe). In particolare, si apprende dalla nota, a Giuseppe Recchi, vice presidente esecutivo “sono attribuite le funzioni vicarie, nonché la responsabilità organizzativa della funzione Security preposta – fra l’altro – al presidio di ogni attività e asset rilevante ai fini della sicurezza e della difesa nazionale all’interno di Tim e delle altre società italiane del Gruppo (in particolare: TI Sparkle S.p.A. e Telsy S.p.A.)”. Inoltre Recchi è stato nominato Presidente del Comitato Strategico.

Approvato a maggioranza anche il principio della creazione di una joint venture con Canal+, “intesa a consentire un’importante accelerazione dei progetti di convergenza fra telco e media”. “Grazie alla joint venture (che sarà regolata a termini e condizioni da negoziare a partire dal term sheet non vincolante già sottoscritto dalle parti), il Gruppo”, si legge nella nota, “avrà accesso all’esperienza e ai contenuti di una delle più importanti società nel panorama mondiale delle produzioni e dei diritti. La joint venture si occuperà di produzioni e co-produzioni, sia italiane che internazionali, nonché dell’acquisizione di diritti, anche sportivi”.

Infine, il Consiglio di Amministrazione ha aggiornato la procedura aziendale per l’effettuazione di operazioni con parti correlate, per tener conto del provvedimento con cui Consob ha ritenuto che la Società sia soggetta al controllo di fatto di Vivendi. La nuova edizione del documento è in corso di pubblicazione sul sito Internet della Società.

Leggi o scarica il testo integrale del comunicato stampa (.pdf)