Modernizzare San Siro è una priorità per la Città di Milano. Il sindaco Sala assicura: Inter e Milan sono d’accordo, l’auspicio è partire con i lavori in sei mesi

Il tema dello stadio per la città di Milano rappresenta “una priorità”. Così il sindaco Giuseppe Sala, a margine della presentazione dell’iniziativa lanciata da Mediobanca e Cus Milano ‘Insieme per lo Sport’ in collaborazione con Palazzo Marino, un progetto di inclusione sociale dedicato ai ragazzi delle periferie cittadine.

“Ci tengo molto – ha detto Sala – perché può essere un’area di attrattività. Quando i miei amici, con figli piccoli, vanno a Madrid, visitano certamente i musei, ma anche lo Stadio. Il museo di Inter e Milan che non è straordinario, è dignitoso, fa numeri incredibili. Anche dal punto di vista commerciale i ricavi delle squadre che hanno uno stadio ben fatto si moltiplicano”.

Giuseppe Sala (foto Olycom)

Parlando dell’incontro di ieri tra Comune e i due club Inter e Milan, il primo cittadino ha spiegato: “ci diamo alcuni mesi di lavoro ma certamente l’idea di uno stadio più moderno e razionale è qualcosa di importante. Anche l’Inter è d’accordo a cominciare a ripensare con rapidità al tema dello stadio e quindi di San Siro”. Per quanto riguarda il Milan, “ieri era presente Fassone (Marco, amministratore delegato di AC Milan) che è venuto soprattutto portando il messaggio che la proprietà del Milan è disponibile a investire. Fino ad alcuni mesi fa la proprietà era cambiata, c’era la campagna acquisti, l’avvio del campionato. Ora la lieta novella è che sono disponibili anche loro”.

“Siccome lo stadio è del Comune e, nel rapporto con le squadre, in parte ricaviamo un affitto, ma in parte i soldi vanno in manutenzione straordinaria, siamo partecipi del progetto, comunque la considero una priorità. Il mio auspicio – conclude Sala – è che in sei mesi si trovi una formula tale per cui nel 2018 si possa partire per i lavori per San Siro”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Stefanelli alla direzione di ‘Sette’ che si riorganizza accorpando LiberiTutti. Severgnini punta sulla tv

Manuela Kron amplia le responsabilità in Nestlé Italia. Alla guida anche del marketing consumer communication 

Verdelli si presenta ai lettori: non sono un figlio di Repubblica, ma sono in sintonia con questa straordinaria avventura giornalistica e culturale