In Liguria gli European Para Youth Games. Otto le discipline in programma. Pancalli (Cip): una vetrina straordinaria. Kovacic (Epc): il movimento paralimpico ha bisogno di eventi come questo

Presentati a Palazzo Ducale gli European Para Youth Games al via dal 9 al 15 ottobre. Otto le discipline nel programma: atletica, boccia, nuoto, tennistavolo, vela, judo non vedenti, goalball, calcio a 7 per cerebrolesi. Il presidente del Comitato Paralimpico Italiano, Luca Pancalli: “abbiamo come missione quella di cambiare nella società la percezione della disabilità. Eventi come gli EPYG sono una vetrina delle straordinarie abilità di questi ragazzi”. E aggiunge Ratko Kovacic, presidente Epc: “grazie dell’opportunità che ci offrite e di questa speciale accoglienza. Il movimento paralimpico ha bisogno di visibili e grandi eventi come gli Epyg. In bocca al lupo agli atleti”.

Mentre Giovanni Toti, presidente Regione Liguria, sottolinea: “grazie ai Giochi Giovanili Paralimpici, la Liguria farà bella mostra di sé davanti al resto del mondo. L’abbiamo presa come una sfida e le sfide, quelle più difficili come è questa, sono le più emozionanti”. Il sindaco di Genova Marco Bucci: “Genova è orgogliosa di ospitare i Giochi Paralimpici Giovanili perché insegneranno ai nostri ragazzi il valore dello sport non solo dal punto di vista fisico ma soprattutto mentale. Lo sport insegna a fare squadra e a vincere sfide”.

Ilaria Caprioglio, sindaco di Savona conclude: “i ragazzi che vivranno la festa di Savona avranno un esempio di resilienza, di confronto reciproco nel segno dell’integrazione. Lo sport è un grande maestro di vita”.

Leggi la notizia sul sito del Comitato Paralimpico Italiano.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Stefanelli alla direzione di ‘Sette’ che si riorganizza accorpando LiberiTutti. Severgnini punta sulla tv

Manuela Kron amplia le responsabilità in Nestlé Italia. Alla guida anche del marketing consumer communication 

Verdelli si presenta ai lettori: non sono un figlio di Repubblica, ma sono in sintonia con questa straordinaria avventura giornalistica e culturale