04 ottobre 2017 | 15:55

Fondazione Tim lancia Dislessia 2.0, piattaforma con i primi strumenti per lo screening precoce dei fattori di rischio Dsa

Prende il via giovedì 5 ottobre, in occasione del World Dyslexia Awareness Day, la piattaforma Dislessia 2.0, uno strumento digitale finalizzato a fornire strumenti tecnologici innovativi in risposta a specifiche esigenze per la dislessia, accessibili a famiglie, docenti, studenti e pediatri. La piattaforma è stata realizzata da Fondazione Tim e dall’Istituto di Scienze Applicate & Sistemi Intelligenti del Consiglio Nazionale della Ricerche di Messina in collaborazione con l’Associazione Italiana Dislessia, l’Istituto Superiore di Sanità, l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, con l’appoggio del Miur.

 

Dislessia 2.0

Dislessia 2.0

 

Il monitoraggio delle attività a ricaduta sanitaria verrà assicurato dal Ministero della Salute che, come spiega una nota, ha sottoscritto con il Miur una lettera di intenti di collaborazione reciproca che riconosce la validità del progetto. In particolare dal 5 ottobre, le famiglie potranno collegarsi al portale www.dislessia.fondazionetim.it per individuare le oltre 4.300 “scuole amiche della dislessia” che già si avvalgono di metodologie didattiche inclusive validate al termine di un percorso formativo realizzato in collaborazione con Aid, che da 20 anni affianca le persone con dsa (disturbi specifici dell’apprendimento). Infatti, grazie al progetto Dislessia Amica lo scorso anno scolastico sono state realizzate sessioni di e-learning per i docenti, basate su un protocollo elaborato con il Miur, che hanno coinvolto oltre 140.000 insegnanti per più di quattro milioni di ore di studio. Inoltre, sul portale Dislessia 2.0 sarà disponibile Smart@pp, realizzata dall’Isasi-cnr e sviluppata dall’Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con l’Irccs Eugenio Medea – Associazione ‘La Nostra Famiglia’ e l’Università ‘Gabriele D’Annunzio’ di Chieti- Pescara, che inizierà a rilasciare le prime funzionalità per offrire a famiglie e pediatri uno screening ultra-precoce da fare anche in mobilità per individuare elementi di rischio per disturbi della comunicazione, secondo protocolli standard e sperimentali innovativi.

La piattaforma ospiterà anche un’altra soluzione tecnologica prodotta da Isasi-cnr che sarà gradualmente disponibile nella sua totale potenzialità: Dislessia Online, sviluppata dall’Unità Operativa Complessa di Neuropsichiatria Infantile dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, in cui i bambini in età scolare, ragazzi e adulti potranno effettuare una valutazione a distanza della lettura, oltre a un eventuale percorso di recupero online per le difficoltà di lettura ed una sessione finale con verifica dell’apprendimento.